Via delle Risorgive, allo studio un ostello a Moretta e il collegamento con Saluzzo

I tre comuni di Moretta, Torre San Giorgio e Saluzzo hanno siglato una convenzione per presentarsi al bando per la mobilità promosso dalla Regione Piemonte. L’obiettivo è ottenere i finanziamenti per promuovere uno studio di fattibilità per la trasformazione della vecchia ferrovia Moretta-Saluzzo in pista ciclabile.

saluzzo-moretta-ferrovia-ostello-la-pancalera

Una decina di anni fa, quando si mossero i primi passi per trasformare la vecchia ferrovia Airasca-Moretta-Saluzzo in pista ciclabile dedicata,  apparve subito chiaro che il tratto in provincia di Cuneo, i 14 chilometri da Moretta a Saluzzo, non si sarebbe potuto realizzare, per la necessità dell’allora Meccanica Milanesio di Moretta di utilizzare i binari per la movimentazione delle carrozze destinate alla riparazione.

Con la chiusura dello stabilimento, la questione torna in primo piano.

Collegare Saluzzo a Moretta, e quindi ad Airasca, significherebbe aggiungere un altro tratto di pista ciclabile alla direttrice Eurovelo e promuovere non solo il turismo, ma anche la mobilità sostenibile. La vecchia ferrovia, oltre a numerosi chilometri tra le campagne, transita alle spalle delle aree artigianali di Moretta e di Torre San Giorgio, raggiunte ogni giorno da centinaia di lavoratori.

Va detto che Moretta e Torre San Giorgio sono già uniti da una pista ciclabile che corre lungo la provinciale, e che il progetto interessa maggiormente il territorio di Torre San Giorgio e Saluzzo che non Moretta.

 Il successo della “Via delle risorgive” Moretta-Villafranca-Airasca, percorsa ogni anno da migliaia di ciclisti, sembra suggerire come i tempi siano maturi per il completamento della ciclabile fino a Saluzzo.

Un ostello a Moretta

Nel solco del potenziamento della via delle Risorgive si inserisce peraltro il progetto di realizzazione di un ostello per la sosta. Le prime pratiche sono già state avviate e l’amministrazione comunale di Moretta ha intenzione di utilizzare alcune camere all’interno del santuario della Vergine del Pilone.

«Abbiamo gli spazi idonei – racconta il sindaco Gianni Gatti – e credo che i tempi siano maturi per un progetto del genere. Sarebbe un primo passo per offrire una ricettività che possa realmente fornire un punto di appoggio per i tanti cicloturisti che transitano nell’area».

redazione

Next Post

Lieto fine per Astoria, il rapace rinchiuso illegalmente ora è libero

Lun Mar 1 , 2021
Una storia a lieto fine quella di Astoria, la femmina di Astore (Accipiter gentilis il nome scientifico) che nei giorni scorsi è stata liberata nell’ambiente naturale dal personale delle Aree protette delle Alpi Cozie e della Polizia locale della Città Metropolitana di Torino. Una storia iniziata poco più di un […]
Astoria-rapace-la-pancalera