Torna il voucher per il diritto allo studio della Regione

Voucher per il diritto allo studio. Fino al 10 giugno possibilità di presentare le richieste alla Regione Piemonte.

Anche quest’anno la Regione Piemonte propone il voucher per il diritto allo studio. Può essere utilizzato per iscrizioni scolastiche, acuisto di libri e materiali di studio nei negozi convenzionati.

E’ possibile richiedere solo uno dei due tipi di voucher esistenti. Si può scegliere il voucher per l’iscrizione e la frequenza da utilizzare nelle scuole paritarie per il pagamento delle spese di iscrizione e frequenza. Oppure il voucher per i libri di testo, materiale didattico, dotazioni tecnologiche funzionali all’istruzione, e attività integrative previste dai piani dell’offerta formativa; trasporti.

La richiesta dei voucher può essere presentata dallo studente iscritto per l’anno scolastico 2020/2021 a scuole primarie, secondarie di primo o secondo grado statali o paritarie appartenenti ad Istituzioni scolastiche facenti parte del sistema nazionale di istruzione. Sono compresi anche i corsi di formazione professionale organizzati da agenzie formative accreditate ai sensi della legislazione vigente e finalizzati all’assolvimento dell’obbligo.

I voucher sono destinati anche a studenti che non abbiano già conseguito un titolo di studio di scuola secondaria e che in ogni caso non abbiano compiuto il (ventiduesimo anno di età). Lo può utilizzare anche chi deve assolvere il diritto-dovere all’istruzione e alla formazione e conseguire un diploma o una qualifica professionale triennale.

Il reddito Isee per la richiesta dei voucher

Il nucleo familiare di appartenenza deve avere un I.S.E.E. anno 2020 non superiore a euro 26.000. Il valore I.S.E.E. non dovrà essere indicato dal richiedente. La Regione Piemonte acquisirà direttamente le attestazioni I.S.E.E. in corso di validità e presenti alla data del 15 giugno 2020 direttamente nella banca dati INPS.

Per il voucher “iscrizione e frequenza” le famiglie con Isee 2020 fino a euro 15.748,78 possono dichiarare la volontà di utilizzare parte del contributo di iscrizione per l’acquisto dei libri di testo (importo di 150 euro per la scuola secondaria di primo grado e di 250 euro per la scuola secondaria di secondo grado).

Ulteriori informazioni si possono reperire al Numero Verde della Regione Piemonte 800 333 444.

Il Comune di Carmagnola offre un servizio di supporto per le famiglie che si tronavno in difficoltà con la presentazione delle richieste. Si può infatti contattare l’Informagiovani il martedì e venerdì dalle 9 alle 13 al numero 3386250269 e il mercoledì dalle 14 alle 18 al numero 3284218117, oppure l’Ufficio Istruzione il martedì, mercoledì e giovedì dalle 9 alle 12 ai numeri 011 9724351/275. Sul sito del Comune di Carmagnola sono disponibili ulteriori informazioni utili.

redazione

Next Post

Salta Viverbe, la manifestazione rimandata a giugno 2021

Mar Mag 12 , 2020
Il sindaco di Pancalieri Luca Pochettino ha dato l’annuncio ufficiale, la Pro Loco condivide la scelta di rinviare la 40esima edizione di Viverbe A settembre le scuole partiranno con solo la metà delle classi in aula e una turnazione continua di studenti. A settembre Viverbe non si farà. Sono queste […]
A-Viverbe-il-sindaco-Luca-Pochettino