Termoscanner, le difficoltà espresse dalle scuole del Piemonte

Termoscanner

I sindacati scolastici, per l’attuazione della proposta della Regione relativa alla misurazione della temperatura corporea degli studenti a scuola, hanno rilevato difficoltà oggettive nell’applicazione del provvedimento.

FLC CGIL – CISL Scuola – UIL Scuola Piemonte hanno infatti rilevato delle criticità. C’è innanzitutto un numero insufficiente dei collaboratori scolastici presenti in ogni plesso. E la tempistica della rilevazione della temperatura porterebbe ad un rallentamento degli ingressi scaglionati.

La proposta dei sindacati è stata quindi quella di avere personale aggiuntivo esterno finanziato con fondi regionali, di istituire figure sanitarie di sistema all’interno delle scuole finanziate dalla Regione, di coinvolgere Protezione Civile, Croce Rossa e altre associazioni presenti sul territorio per l’attuazione dell’intervento.

E’ stato inoltre chiesto all’Assessore Regionale Elena Chiorino e al Direttore Regionale Fabrizio Manca di favorire ai tavoli nazionali ogni intervento volto a prevedere la sostituzione del personale assente fin dal primo giorno. L’Assessore Regionale si è impegnata a sostenere e verificare la sostenibilità delle proposte nelle sedi competenti.

redazione

Next Post

I3A a Torino, territorio all'avanguardia nell'innovazione scientifica

Ven Set 4 , 2020
Il fatto che la Presidenza del Consiglio abbia individuato Torino come futura sede dell’Istituto per l’intelligenza artificiale è il riconoscimento del ruolo di avanguardia che la città e l’intero territorio metropolitano hanno sempre avuto nel settore dell’innovazione scientifica e tecnologica: lo ha sottolineato il Vicesindaco metropolitano commentando la notizia giunta […]
torino