Tango per la Liberazione a Cuneo

Lunedì 25 aprile si terrà la seconda edizione della staffetta di tango

tango-La Pancalera

CUNEO

L’associazione Promocuneo, in collaborazione con l’Anpi e con le associazioni Tango de Buenos Aires, DanziTango, Gomina Tango Club e Argentango, ha organizzato, col patrocinio del Comune di Cuneo, la seconda edizione della staffetta di tango denominata Tango per la Liberazione 2016 e prevista per lunedì 25 aprile 2016.

La staffetta, simbolo di libertà e memoria storica di ogni paese, vedrà la partecipazione di sessanta coppie danzanti, a gruppi di venti ballerini, che si alterneranno “passandosi il testimone”. La partenza, prevista per le ore 16, sarà davanti al palazzo della Provincia. Il percorso si snoderà sotto i portici di corso Nizza, piazza Galimberti, via Roma, sostando mezz’ora in piazza del Grano, per finire, poi, in piazza Virginio, con milonga finale.

Una prima edizione della staffetta è stata proposta al pubblico cuneese nel 2014, in occasione della festa della donna, ed inserita nel programma delle manifestazioni di “8 marzo e dintorni”.

Visto il successo e l’importante partecipazione alla prima edizione si è pensato di riproporla, quest’anno, nella giornata della Liberazione. Il ricordo va agli italiani che scesero in piazza, felici e finalmente liberi, a festeggiare anche ballando, la fine dell’oppressione. E così faranno le coppie tanguere nella staffetta del 25 aprile 2016: ricordare, ballando, la vittoriosa lotta di resistenza militare e politica, la fine del ventennio fascista e del quinquennio di guerra mondiale.

L’appuntamento è per lunedì 25 aprile 2016, alle ore 16, davanti al Palazzo della Provincia.

redazione

Next Post

ARRIVA LA 5^ EDIZIONE DEL SUPERGA PARK TOUR

Lun Apr 18 , 2016
Dal 21 al 24 aprile 2016 la prima parte della 5° edizione della manifestazione annuale con appuntamenti tra cinema, agricoltura, musica, fotografia e natura La recente nomina a “Riserva della Biosfera” CollinaPo è il primo caso di riconoscimento “Urban” nel programma MAB UNESCO in Italia. Come istituzione che ha lavorato dal […]