Scarichi abusivi dopo la chiusura delle attività per l’emergenza sanitaria

Riscontrati nella cintura sud di Torino aree di abbandono rifiuti, agevolati dalla ridotta vigilanza che segue l’emergenza sanitaria per il coronavirus

L’emergenza Coronavirus non ferma gli illeciti in materia di abbandono di rifiuti. Anzi a volte li agevola, vista la scarsa presenza di persone sul territorio e la necessariamente ridotta vigilanza. Il periodo di chiusura forzata di molte attività artigianali e commerciali ha indotto alcuni imprenditori scorretti a fare pulizia nei loro magazzini e a liberarsi dei materiali di risulta scaricandoli nelle campagne semideserte.

La scorsa settimana soltanto nella prima cintura a sud di Torino gli agenti della Polizia metropolitana della Direzione sistemi naturali hanno rilevato numerosi scarichi “seriali” di rifiuti: tre cumuli di paraurti e materiali di carrozzeria, altri tre mucchi di vecchi serramenti e portoncini condominiali, di stracci e di plastiche, che sono state oltretutto incendiate.

La sicurezza degli operatori

Poiché lo smaltimento di questi rifiuti costa molto ai Comuni e quindi ai contribuenti, la Direzione sistemi naturali della Città Metropolitana è attiva per vigilare sul rispetto delle norme in materia. Grande attenzione viene posta alla sicurezza del personale. Gli agenti si spostano utilizzando ognuno un’auto di servizio, sono dotati di mascherine FFp2 e guanti in lattice. Nei luoghi in cui è necessario effettuare sopralluoghi arrivano con vetture diverse due agenti, che operano a debita distanza e si tengono in contatto via radio.

Nel contrasto al fenomeno dell’abbandono di rifiuti si fa uso anche di tecnologie di videosorveglianza, per individuare i produttori e i trasportatori abusivi. Grazie a moderne attrezzature di piccolissime dimensioni, la Polizia metropolitana tiene sotto controllo molte discariche abusive. I trasgressori vengono denunciati e devono rimuovere i rifiuti a loro spese. I mezzi di trasporto vengono confiscati nel caso siano stati utilizzati per disfarsi di rifiuti classificati come pericolosi.

redazione

Next Post

Mercoledì 8 aprile riparte il mercato alimentare di Saluzzo

Mar Apr 7 , 2020
Confermato lo svolgimento del mercato alimentare, sotto l’ala di ferro in piazza Cavour, esclusivamente per i generi alimentari. Ingressi contingentati Dopo una attenta analisi, il COC – Centro Operativo Comunale di Protezione civile ha stabilito di riaprire i mercati. Ha infatti valutato la possibilità di garantire la delimitazione degli spazi […]