Sandrone presenta la situazione dei contagi a Castagnole

È intervenuto con un video su Facebook il sindaco di Castagnole Piemonte Mattia Sandrone per presentare ai cittadini il punto sul numero dei contagi da Covid-19 in paese e sui lavori pubblici.

Video-Mattia-Sandrone

«La percentuale di casi positivi è elevata rispetto ai mesi di marzo e aprile – ha affermato il sindaco Sandrone – sono 40 i positivi, uno solo è ospedalizzato mentre gli altri sono in quarantena a casa».

Per quanto riguarda i tamponi, è cambiata la modalità con cui si può accedere agli hotspot. Lo ha spiegato il Sindaco: in caso di sintomi bisogna innanzitutto contattare il medico di base che si occuperà di fare la prenotazione al Sisp e, su appuntamento, su potrà quindi andare a fare il tampone.

I chiarimenti sulle restrizioni

Sandrone ha inoltre ritenuto opportuno fornire dei chiarimenti alla popolazione in merito all’ultimo Dpcm che ci impone delle restrizioni maggiori in quanto zona rossa. In particolare, ha spiegato che è permesso lo sport individuale, mentre le passeggiate si possono fare solo singolarmente nei pressi della propria abitazione. La spesa è possibile nei negozi del paese; ci si può spostare negli altri comuni solo nel caso l’articolo ricercato non sia reperibile dagli esercenti del paese. Questo «è importante – ha voluto sottolineare il Sindaco – perchè dobbiamo aiutare il commercio locale di Castagnole: i commercianti ci stanno aiutando in questo momento difficile».

Il punto sui lavori pubblici

Infine, una panoramica sui lavori pubblici. È terminata la tinteggiatura del Palazzo Comunale, la Smat ha ripreso i lavori per la realizzazione dell’acquedotto da via Mazzini a via Alfieri, è infine atteso il cablaggio degli armadietti per l’attivazione della fibra ottica.

Cliccando qui si può vedere il video.

redazione

Next Post

Il 4 novembre di None, con le parole del sindaco Loredana Brussino

Lun Nov 9 , 2020
Brussino, il difficile paragone con i morti di Covid: «È ancora vivo il dolore di quanti non hanno potuto dare un ultimo saluto ai propri cari, morti in solitudine, come succede in guerra». Un 4 novembre, Giornata delle forze armate e Festa dell’unità nazionale, senza cortei, concerto e manifestazioni, ma […]