Rosso indelebile: Carmagnola contro la violenza di genere

A pochi mesi dall’uccisione di Eufrosina, 68 anni, per mano del suo compagno, la città di Carmagnola è stata colpita da un altro atto di atroce violenza. Nella notte tra il 28 e il 29 gennaio scorso sono stati uccisi Teodora, mamma e operatrice sanitaria di 39 anni, insieme al suo piccolo Ludovico, che di anni ne avrà per sempre 5. Un femminicidio e figlicidio eseguiti dallo stesso marito e padre delle due vittime.

rosso indelebile carmagnola violenza genere la pancalera

Per evitare che il rumore prodotto dalla violenza di genere e domestica diventi un sottofondo ai suoni della vita quotidiana e per una piena consapevolezza e responsabilizzazione di ogni persona nella lotta alla violenza, la Città di Carmagnola aderisce e sostiene l’iniziativa di sensibilizzazione del programma in streaming: Rosso Indelebile: l’Arte contro la violenza.

Sei appuntamenti settimanali ogni lunedì alle 19.30, in diretta streaming, a partire dal 8 marzo. “Pillole” di approfondimenti sul tema della violenza di genere e domestica che utilizzeranno il mezzo espressivo dell’arte per arrivare a una sensibilizzazione più diretta del pubblico da casa. Le dirette verranno trasmesse sulla pagina FaceBook di Associazione Artemixia, e pubblicate sul canale You Tube di Rosso Indelebile oltre che sui canali social di Città di Carmagnola.

Ivana Gaveglio sindaco di Carmagnola ha dichiarato:

«Sono particolarmente orgogliosa della collaborazione con Rosso Indelebile e Artemixia. Le loro pillole vanno a smuovere quella parte di ciascuno di noi che si indigna quando accadono drammi e che poi torna a credere che la normalità sia diversa. Ecco la normalità deve essere un esercizio continuo di rispetto di genere, solo così si può combattere la violenza che arriva ad uccidere le donne».

Rosso Indelebile: l’Arte contro la violenza. IL PROGRAMMA

Ogni appuntamento sarà preceduto da una presentazione a cura di Ivana Gaveglio, sindaca della Città di Carmagnola, Rosalba Castelli vicepresidente di Artemixia e Silvia Lorenzino, avvocata e vicepresidente dei Centri Antiviolenza E.M.M.A. Onlus.

8 marzo ore 19.30
VIDEO della video-artist Anna Olmo (Rosalba Castelli performer) – realizzato per Rosso Indelebile all’interno delle celle del Museo del Carcere “Le Nuove” di Torino. Il video fa parte del corpus centrale video|photo|painting realizzato a tre voci dalle tre artisti Anna Olmo, Alessandra Ferrua e Rosalba Castelli. Queste le parole di Anna Olmo a proposito del suo video: “Diventa un’ossessione, così forte da deformare la percezione di se stessi e del nostro corpo.
Un dolore fisso che torna come un disturbo continuo, in ogni momento, entra in ogni sguardo, in ogni movimento. E non lascia più vivere, letteralmente…”.

15 marzo ore 19.30
PERFORMANCE: “Muta la Pelle” con le performers Margaret Lanterman, Rosalba Castelli, Cristina Schembari e Claudia Appiano con l’attrice Angela Vuolo che interpreta il monologo di Rosalba Castelli, la restituzione in forma poetica del racconto di pacificazione al quale perviene una donna rispetto ai suoi ricordi di infanzia segnata da episodi di violenza domestica assistita. L’esibizione viene accompagnata dalla musica composta dal chitarrista Jordan D’Uggento e dalle note del pianista Paolo Masia.

22 marzo ore 19.30
MONOLOGO: “Non chiamiamola vittima” – Silvia Lorenzino, avvocata, E.M.M.A. Onlus e Angela Vuolo, attrice, Artemixia Aps.
Angela Vuolo legge la testimonianza di una donna che ha intrapreso il proprio percorso di allontanamento della violenza. Sulla testimonianza si innesta il monologo di Silvia Lorenzino, avvocata e attivista per la sicurezza delle donne, la quale ci ricorda che una donna non deve essere salvata, ma messa in condizione di scegliere. Lorenzino è anche fondatrice di “Svolta Donna” e vicepresidente di “Centri Antiviolenza E.M.M.A. Onlus”. Si occupa prevalentemente di assistere le donne che hanno subito violenza in ambito familiare e di genere, sia in sede civile che penale, nonché di tutelare i minori in ambito processuale.

29 marzo ore 19.30
PERFOMANCE: “Medusa” di e con la performer Alessia Mallardo
Medusa è una performance di danza Butoh. Mette in scena un mito. Perseo che taglia la testa della Gorgone ma che trasforma, attraverso la danza, una metafora di morte in metafora di vita. Qui Medusa si libera del tradimento vissuto e si riappropria della sua testa.

5 aprile ore 19.30
MOSTRA DIFFUSA – PERCORSO DI ARTE DIFFUSA sul tema della violenza di genere.
Per 3 giorni, dal 23 al 25 novembre, i corridoi dell’Ipercoop di via Livorno (Torino) hanno ospitato una mostra diffusa, collettiva d’arte contemporanea, sul tema della violenza di genere, facente parte della seconda edizione di Rosso Indelebile 2.0. La sensibilizzazione attraverso l’arte entra direttamente nei luoghi della gente, per aumentare la possibilità di esercitare il suo messaggio, incontrando le persone in modo sorprendente e inaspettato mentre si recano a fare la spesa. L’allestimento è stato immaginato anche e soprattutto nell’ottica di evitare assembramenti.

12 aprile ore 19.30
PERFORMANCE La Maschera di e con Mimma di Vittorio, danzatrice e ideatrice della prima scuola per la diffusione della Danza New Butoh secondo l’insegnamento della maestra giapponese Sayoko Onishi. La Maschera è “ciò che appare. Il male ti coglie alle spalle e rimani sfigurato. Ciò che resta.”
BRANO PER PIANOFORTE “Oh Lady Be Good”, titolo di un musical del 1924 interpretato dal musicista Livio Minafra.

redazione

Next Post

La stazione Carabinieri di Costigliole temporaneamente a Verzuolo

Gio Mar 4 , 2021
Nei giorni scorsi sono terminate le operazioni di trasferimento della Stazione Carabinieri di Costigliole Saluzzo (CN) dalla storica caserma di via Savigliano allo stabile che ospita la vicina Stazione Carabinieri di Verzuolo (CN), in attesa di individuare una nuova idonea sede a Costigliole Saluzzo. Si tratterà di una soluzione temporanea, […]
carabinieri-costigliole-verzuolo-la-pancalera