Ritrovata lupa morta, parte di branco stabile tra val Susa e pinerolese

Lupa_morta-la-pancalera

Nel tardo pomeriggio di ieri, mercoledì 18 novembre, gli agenti del Servizio Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana di Torino, su segnalazione di un automobilista di passaggio, hanno  recuperato la carcassa di un giovane esemplare di Lupo sul bordo della Strada Provinciale 229 di Verna al Km 0+900. L’arteria stradale collega il Colle della Colletta alla borgata Verna e delimita il confine tra i Comuni di Giaveno e Cumiana. L’esemplare rinvenuto morto era  una giovane femmina nata quest’anno, del peso di circa 12 Kilogrammi, presumibilmente investita da un’autoveicolo nella notte tra martedì 17 e mercoledì 18 novembre. Come previsto dal protocollo di monitoraggio e ricerca sul Lupo in Piemonte, la carcassa è stata portata alla Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Torino a Grugliasco per gli esami autoptici del caso.

Si tratta del cinquantasettesimo rinvenimento di un esemplare di Lupo sul territorio della Città Metropolitana di Torino dal 2001 ad oggi – precisa la Consigliera metropolitana delegata alla tutela della fauna e della flora, Gemma AmprinoIl fatto che si tratti di un esemplare di 5-6 mesi di età conferma la presenza di un branco stabile in riproduzione nella fascia pedemontana  tra la Bassa Valsusa e il Pinerolese, da cui presumibilmente proveniva anche l’esemplare rinvenuto morto ad Airasca l’11 marzo del 2014”.

Il Lupo – ricorda Amprinosuscita paure ataviche, ma è bene ricordare che si tratta di una specie che gode della massima tutela, sia nella legislazione europea che in quella nazionale. Indipendentemente dalle opinioni personali, è fuori dubbio che dobbiamo imparare a convivere con il carnivoro per eccellenza, perché in natura in cima alle catene alimentari vi sono necessariamente i grandi predatori, dai quali nei secoli i pastori hanno imparato a difendersi, per evitare stragi di ovini e caprini, sfruttando oggi al meglio tutte le soluzioni tecniche che aiutano ad allontanare i predatori dalle greggi”.

Nella foto in allegato: la Lupa rinvenuto sulla Provinciale 229 dagli agenti del Servizio Tutela Fauna e della Flora della Città Metropolitana di Torino

redazione

Next Post

Valichi di frontiera: controlli dei carabinieri dopo i fatti di Parigi

Lun Nov 23 , 2015
Aumentano le esigenze di sicurezza derivate dai recenti fatti di Parigi e la Compagnia Carabinieri di Borgo San Dalmazzo intensifica i servizi di controllo lungo le frontiere italiane. In particolare, il rafforzamento dei controlli riguarda le dipendenti Stazioni CC di Vinadio, Pietraporzio e Limone Piemonte che hanno incrementato i servizi […]
CONTROLLI-CC-LUNGO-LA-FRONTIERA-la-pancalera