Rifreddo, sindaco critica Dpcm: permettere di raggiungere i familiari

Non sono piaciute al sindaco di Rifreddo, Cesare Cavallo, le limitazioni che impediscono ai cittadini di uscire dal proprio Comune nelle festività natalizie emanate con l’ultimo DPCM del governo Conte.

Cavallo, infatti, giudica i provvedimenti «ennesima discriminazione della politica romana nei confronti dei cittadini residenti nei piccoli comuni».

Scrive il primo cittadino: «Impedire ad un cittadino rifreddese di percorrere i tre chilometri che separano Rifreddo da Sanfront mentre si permette ad un cittadino di Roma di percorrerne 50 andando da sud a nord del proprio comune oltre che inaccettabile è anche fortemente in contrasto con il principio di uguaglianza».

Sempre nella missiva, il Sindaco spiega poi come gli assembramenti nei piccoli comuni, soprattutto di media valle, non siano certo all’ordine del giorno. Semmai, dice, sarebbero alcune zone digrandi città quelle in cui la mobilità andrebbe ridotta per contrastare il virus.

La difficoltà nel regolare la materia

Un j’accuse in piena regola appena attenuato dalle considerazioni sull’effettiva difficoltà nel regolare la materia e sulla necessità di mantenere grande attenzione ai comportamenti individuali.

Cavallo non si limita però alla critica. Avanza anche una soluzione.

Permettere agli abitanti dei piccoli comuni di raggiungere i famigliari residenti nel raggio di 30 chilometri dalla propria residenza indipendentemente dal fatto che si esca dal proprio comune o meno.

redazione

Next Post

La biblioteca di Virle Piemonte riapre oggi per il prestito

Gio Dic 10 , 2020
Riapre oggi, giovedì 10 dicembre, la biblioteca di Virle Piemonte. Gli utenti possono accedere uno alla volta o un adulto con i figli per volta. Sarà possibile accedere al prestito dei libri, ma non fermarsi per la lettura. I libri da restituire invece andranno epositati nelle apposite scatole che si […]
Biblioteca Virle Piemonte