Rent To Business

Il-Punto-con-l'Avvocato-la-pancalera
Oggi non importa avere, occorre possedere, gestire il tempo lo spazio e le relazioni.
La condivisone influenza il mercato, lo stile di vita, siamo ciò che comunichiamo oggi più che mai.
Il valore di un bene oggi è il prezzo che qualcuno è disposto a pagare, non lo fa il mercato, lo fa il suo utilizzo, la sua condivisione.
Un alloggio vale se può essere utilizzato da molti, è raggiungibile e socialmente riconosciuto.
È questa la nuova economia reale, basata sul Rent To business.
Il mercato è flessibile così come i contratti di lavoro, il tempo misura l’utilità.
Vivremo di una cessione di contratti di condivisione, la scommessa sulla realizzazione il guadagno.
L’economia collaborativa si basa su leggi economiche di necessità sociale, ha la sua matrice nei bisogni che i soggetti hanno senza la necessità di ricorrere necessariamente al punto di equilibrio
economico tradizionale.
Lo scambio è un esigenza strumentale alla sopravvivenza e la moneta non è l’unico mezzo di scambio.
Il sistema non crea ricchezza la distribuisce, si favorisce il possesso e non la proprietà.
La crisi del Diritto Positivo, e dell’Economia legata al Debito assume la sua massima espressione con il ritorno al baratto e giuridicamente alla permuta.
In Diritto, la permuta è il contratto che ha per oggetto il reciproco trasferimento della proprietà di cose, o di altri diritti, da un contraente all’altro (art. 1552 cod.civ.).
Sebbene si applicano, in quanto compatibili, le norme stabilite per la vendita (art. 1555 cod.civ.), la permuta differisce da quest’ultima in quanto lo scambio non avviene verso il corrispettivo di un
prezzo, ma tramite il reciproco trasferimento della proprietà di cose o della titolarità di altri diritti.
La permuta, infatti, deriva da quella forma primitiva di scambio chiamata baratto.
L’ economia del diritto si contrappone alle leggi economiche del mercato.
Il soggetto pone la legge come “strumento di scambio” legato a soddisfare bisogni.
La condivisione e le regole variano a seconda del caso concreto e non viceversa.
Il tempo assume un proprio valore e la sua determinazione assume carattere di scambio.
Si usa un bene solo se strettamente necessario e funzionale al suo utilizzo.
La gestione è strettamente legata alla durata di utilizzo del bene stesso, senza scorte o rimanenze.
Il virtuosismo personale è lo strumento di scambio ed il valore aggiunto è la propria attività.
Il modello economico non si basa sul profitto ma sulla gestione dei bisogni degli appartenenti alla piattaforma di scambio.
Il mercato non genera la domanda o l’offerta il Diritto regola i rapporti di scambio sotto il segno dello scambio, della condivisone, del possesso.
Con le modalità previste dall’art. 23 del d.l. n. 133/2014 (decreto “Sblocca Italia”), rubricato “Disciplina dei contratti di godimento in funzione della successiva alienazione di immobili”, il nuovo Istituto si riferisce ai: “ contratti diversi dalla locazione finanziaria che prevedono l’immediata concessione del godimento di un immobile, con diritto per il conduttore di acquistarlo entro un termine determinato, imputando a corrispettivo del trasferimento la parte di canone imputata nel contratto”.
Da tali premesse, fermo restando che, in caso di inadempimento il venditore potrà ricorrere all’esecuzione in forma specifica ex art. 2932 c.c. che afferma quanto segue: “il concedente ha diritto
alla restituzione dell’immobile ed acquisisce interamente i canoni a titolo di indennità, se non è stato diversamente convenuto nel contratto”, si aprono nuovi scenari speculativi.
La norma lascia le parti libere di determinare la durata, gli importi e il numero dei canoni, a condizione che al venir meno del pagamento di un minimo di canoni versati non inferiore ad un ventesimo del loro numero complessivo si risolve il contratto.
A questo punto, il mercato Immobiliare si rivoluziona introducendo “una scommessa finanziaria” legata al fatto che se il conduttore paga acquisisce la proprietà, viceversa perde quanto corrisposto.
In pratica il soggetto investitore acquista un immobile concesso a Rent to Buy e scommette sulla riuscita o meno dell’acquisto da parte del conduttore.
Il venditore ottiene il prezzo di vendita, l’investitore acquista il Contratto , il conduttore non ricorre alle Banche.

AVV. LORENZO PAPA

redazione

Next Post

I Commedianti di Cercenasco in scena con "L’é mei aveine doe"

Mar Feb 2 , 2016
  CERCENASCO Spettacolo teatrale dei Commedianti di Cercenasco con Ercole Bassi, che propongono “L’é mei aveine doe” nel salone parrocchiale di Cercenasco sabato 20 febbraio e sabato 5 marzo alle ore 21. Per la prenotazione dei biglietti rivolgersi sabato 13 febbraio dalle 10 alle 11 all’Infopoint di Cercenasco e mercoledì […]
I-Commedianti-di-Cercenasco-la-Pancalera