Racconigi, il libro di Andrea Piovano alla Soms di Progetto Cantoregi

Soms di Progetto Cantoregi sabato 4 luglio accoglie Andrea Piovano con il suo alter ego Alec Ronchi che presenta il libro “1534. Follia e verità”

Andrea-Piovano

La Soms di Progetto Cantoregi a Racconigi, che ha riaperto al pubblico le sue porte nel rispetto di tutte le normative sulla sicurezza, propone un appuntamento dedicato alla narrativa contemporanea. Sabato 4 luglio alle ore 18 l’autore Andrea Piovano, in dialogo con Luisa Perlo, presenta il suo nuovo romanzo “1534. Follia e verità”, da poco uscito per Aracne editrice con lo pseudonimo di Alec Ronchi. Un romanzo storico che tocca temi universali come la fede religiosa, l’identità e l’emancipazione femminile nel passaggio dal Medioevo al Rinascimento. L’incontro è accompagnato dalle letture di brani tratti dal libro a cura dell’attrice Elide Giordanengo.

A fine incontro continuerà il confronto con l’autore in un momento conviviale.

L’ingresso è libero (Soms – via Carlo Costa 23, Racconigi) fino a esaurimento posti (prenotazione consigliata: info@progettocantoregi.it – 335.8482321) e sarà consentito solo con mascherina.

La trama

Nel 1534, a Londra, Henry VIII firma l’Atto di Supremazia e nasce la Chiesa anglicana, punto di origine dell’impero inglese. In quegli stessi mesi, nella Cappella Sistina, Michelangelo lavora ai bozzetti preparatori del Giudizio Universale. Sotto i venti della Riforma protestante, la Roma papale inizia quindi a vacillare e intanto sorge la Londra imperiale. Tra follia e verità, il libro rivive la fanciullezza di Henry Tudor sino alla maturità, seguendo il percorso di un uomo tra amori, intrighi di corte, paure e speranze, che pone diverse domande: cosa voleva dire essere cristiani nel ’500? Ed eretici? Poveri? Popolo? Ed essere donne? Uomini? Re e regine? Cosa voleva dire essere amici e nemici nel nome di Gesù di Nazareth, Il Cristo? Personaggi e fatti, storici e immaginari, vivificano la corte Tudor: dame e gentiluomini, ma anche pecore, capre e lupi, chiusero il Medioevo in Inghilterra e aprirono il Rinascimento.

redazione

Next Post

Raccolta oli esausti, firmato protocollo tra Regione e Conoe

Mer Giu 24 , 2020
Il presidente di Legambiente Piemonte, il carmagnolese Giorgio Prino, conferma che il protocollo è “tassello culturalmente importante nell’affermare la centralità della raccolta differenziata” La Regione Piemonte ha sottoscritto un protocollo con il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli esausti (Conoe) per avvivare su tutto il Piemonte una campagna […]
oli-esausti-la-pancalera