PROSEGUONO LE RICERCHE DEL CERVO AVVISTATO A TORINO

RINVENUTE IMPRONTE E ALTRI SEGNALI DEL PASSAGGIO SULLE SPONDE DELLA STURA

impronta-cervo-la-pancalera

Il Servizio Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana di Torino prosegue da alcuni giorni le perlustrazioni per individuare e catturare il cervo la cui presenza è stata segnalata da alcuni cittadini ai Vigili Urbaninella zona nord di Torino. Interpellati alla Polizia Municipale, gli agenti faunistico-ambientali della Città Metropolitana proseguono le perlustrazioni lungo la sponda orografica destra della Stura di Lanzo a monte della confluenza nel Po. In tale zona l’animale si è rifugiato dopo l’avvistamento e  gli agenti del Servizio Tutela Fauna e Flora hanno individuato e documentato molti segnali della sua presenza: in particolare impronte fresche.

Dalle fotografie scattate dalla Polizia Municipale pare trattarsi di un maschio Fusone, termine utilizzato per i cervi di età compresa tra i 12 e 24 mesi. Si ipotizza che l’animale abbia sfruttato il corridoio verde lungo la Stura, scendendo sino a Torino dalle valli Ceronda e Casternone, che ospitano una discreta popolazione di cervi.

Il Servizio Tutela Fauna e Flora della Città Metropolitana prosegue le perlustrazioni ed è pronto a intervenire in qualsiasi momento con gli strumenti adeguati: fucile lancia-siringhe per la narcotizzazione dell’animale, reti di cattura e gabbie per il trasporto. Il CANC-Centro Animali Non Convenzionali della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Torino, convenzionato con la Città Metropolitana, è da parte sua pronto a collaborare per ogni evenienza.

Naturalmente la speranza è che il cervo sia riuscito a risalire lungo la sponda del torrente e che sia ritornato in luoghi più idonei. Nel caso fosse rimasto nell’ambiente urbano la cattura e la successiva visita di controllo da parte dei veterinari del CANC ne consentiranno la liberazione in un ambiente naturale più idoneo.

Gli esperti raccomandano a chi dovesse avvistare l’animale di non avvicinarsi, non ostruirgli eventuali vie di fuga, non cercare di alimentarlo e tenere i cani a guinzaglio per evitare che cerchino di rincorrerlo. Occorre invece chiamare immediatamente il Servizio Tutela Fauna e Flora.

A CHI RIVOLGERSI QUANDO SI RINVENGONO ANIMALI FERITI O IN DIFFICOLTA’: IL PROGETTO “SALVIAMOLI INSIEME” DELLA CITTÀ METROPOLITANA

Città Metropolitana di TorinoServizio Tutela della Fauna e della Flora, corso Inghilterra 7, Torino, telefono 011-8616987, cellulare 349-4163347; dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 14,30, il venerdì dalle 9 alle 13

Centro Animali Non Convenzionali dell’Ospedale Veterinario della Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università di Torino, largo Braccini 2, Grugliasco, telefono accettazione 011-6709053 e 366-6867428. In orario notturno l’accesso avviene dal numero civico 44 di via Leonardo da Vinci.

redazione

Next Post

Un venerdì con Matteo Spicuglia

Mer Apr 5 , 2017
UN LIBRO PER THE. I VENERDI’ DELLA BIBLIOTECA.  Venerdì 7 aprile, ore 17.30 SALUZZO Nuovo appuntamento del venerdì pomeriggio presso i locali della Scuola APM di Saluzzo, in Via dell’Annunziata: VENERDI’ 7 APRILE ore 17.30 verrà presentato il libro “La Terra Perduta. Nel cuore dei cristiani del Medio Oriente” di […]
SALUZZO-La Pancalera