Ripartiamo insieme: il Pinerolese si coalizza per uscire dall’emergenza

E’ nato il gruppo “Ripartiamo Insieme” a cui hanno aderito sindaci, il consorzio CPE, CGIL, CISL, UIL e diverse realtà del territorio per la ripresa di lavoro, turismo e cultura

Trovare soluzioni concrete al momento di estrema difficoltà post Covid-19. E’ quello che si è proposto il gruppo “Ripartiamo Insieme” promsso dal Consorzio CPE e dalle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e Uil. Raccoglie oltre 50 realtà del Pinerolese, che si sono incontrare in una conferenza online giovedì 14 maggio. Riunisce i sindaci dei comuni del pinerolese, della val Pellice, Val Chisone, val Germanasca, val Noce, della pianura. Ci sono acnhe i rappresentanti delle Unioni di Comuni, della Città Metropolitana di Torino e della Regione Piemonte. hanno aprtecipato anche realtà aziendali, la Diocesi di Pinerolo, la Diaconia Valdese, il CISS, istituti bancari e assicurativi.

Ripartiamo insieme Video Conferenza
Una parte delle schermate degli oltre 50 partecipanti al primo incontro in videoconferenza di Ripartiamo Insieme

Tra le proposte, l’attrazione e creazione di nuove imprese, il ripensamento di nuovi modelli di trasporto per collegare secondo criteri di efficienza ed efficacia con particolare attenzione alla sostenibilità ambientale, opportunità di formazione per ricollocare chi ha perso il posto di lavoro, per chi si affaccia al mondo del lavoro o per chi lavorando deve sostenere percorsi di riqualificazione, dando nuove competenze.

Soprattutto, dall’incontro del gruppo “Ripartiamo Insieme” è nato un forte desiderio di agire e subito. Sono venute fuori già proposte interessanti: dagli sconti su polizze assicurative a interventi immediati con anticipi bancari della Cassa Integrazione, e Finanziamenti agevolati. Acea Energie Nuove ha annunciato vantaggiose offerte gas e luce a favore degli operatori economici che riprenderanno la loro attività dopo questo lungo periodo di inattività.

Il Vescovo: costruire un senso di comunità

E’ stato quindi un momento storico per il Pinerolese. Una rinnovata e ritrovata coesione volta a fare fronte comune e, come ha detto nel corso dell’Incontro il Vescovo Derio Olivero,costruire un senso di Comunità, di partecipazione, dove ciascuno fa la sua parte, affinché il territorio riparta, e possa tornare a sognare”.

Una ripartenza nuova per il Pinerolese che deve tornare a valorizzare e incentivare le proprie ricchezze, dalla medicina di territorio, ai servizi socio assistenziali, al turismo” ha evidenziato Loretta Malan, portavoce della Diaconia Valdese.

Le attività del Gruppo di lavoro “Ripartiamo Insieme” proseguiranno con un secondo incontro già calendarizzato per venerdì 22 maggio. In questa occasione le istanze emerse verranno assegnate a tavoli  specifici a cui parteciperanno le singole realtà, aziende ed enti/amministrazioni in base alla loro pertinenza.

La posizione del Consorzio CPE

Il Consorzio CPE è punto di incontro di quelle relazioni che sono quanto mai necessarie oggi per ripartire. Qui nessuno è spettatore ma tutti i Comuni del Pinerolese, gli enti, le aziende devono essere attori e ciascuno fare la propria parte mettendo a disposizione risorse, competenze e proposte. Il Pinerolese ha accolto con favore e con ampia adesione il Progetto Ripartiamo Insieme, intravvedendone il necessario collante, fondamentale per evitare di disperdere energie in un momento così delicato” – ha affermato Francesco Carcioffo Presidente del Consorzio CPE.

L’intervento di Andrea Ferrato e Teresa Cianciotta

“Come CGIL – CISL – UIL  siamo molto soddisfatti della risposta del territorio, abbiamo dato l’avvio ad un progetto importante ed ambizioso che è riuscito nell’intento di far dialogare il Pinerolese per ripartire insieme. – hanno affermato Andrea Ferrato CGIL – Vittorio Di Vito CISL – Teresa Cianciotta UIL Dovremo essere in grado di raccogliere i bisogni, agevolando il confronto e la mediazione degli interessi di tutti gli aderenti, per delineare linee d’indirizzo comuni.  Bisognerà essere in grado di rispondere ai bisogni sociali prepotentemente emersi durante la fase del look down, sostenere i vari tessuti produttivi partendo dalle piccole aziende, dagli artigiani, dai locali commerciali e turistici, costruire un nuovo modello socio sanitario del territorio, ripensare il trasporto pubblico locale e quello delle merci, potenziare le infrastrutture digitali, investire sulla salvaguardia del territorio, identificare nuove politiche imprenditoriali  il tutto con una nuova attenzione all’ambiente, al lavoro e alla sua dignità.”

Salvai: comunicato congiunto delle amministrazioni

Personalmente ho trovato di rilevanza strategica l’incontro avvenuto e il progetto avviato. Invieremo un comunicato congiunto su come le amministrazioni possono mettersi al servizio di questa iniziativaha dichiarato Luca Salvai Sindaco di Pinerolo.

redazione

Next Post

Ancora donazioni per l'ospedale San Lorenzo di Carmagnola

Mer Mag 20 , 2020
Al San Lorenzo due macchinari per la pulizia donati tramite la Fondazione di Comunità; presto arriverà altro materiale per l’ospedale Attraverso la Fondazione di Comunità sono stati consegnati all’Ospedale San Lorenzo di Carmagnola una macchina lavazoccoli e una per il lavaggio e disinfezione degli strumenti. Proseguono così le iniziative di […]
Il-San-Lorenzo-di-Carmagnola