Piemonte in zona arancione, nessuna ulteriore restrizione per i vaccinati

Da lunedì 24 gennaio il Piemonte passa in zona arancione. Lo ha annunciato il presidente della Regione Alberto Cirio dopo la firma dell’ordinanza del ministro Speranza. Il Piemonte ha infatti superato in piccolissima percentuale (0,3% il 20 gennaio e 0,2% il 21 gennaio) l’occupazione dei posti letto ordinari, che seppur di pochissimo oltreppa la soglia del 30% prevista per la zona arancione, accanto alle terapie intensive dove più dei 2/3 dei pazienti ricoverati non è vaccinato e l’occupazione è superiore al 22%.

“La classificazione di rischio scende però da alta a moderata – ha affermato Cirio – è segno che la strada è quella giusta e proprio per questo è importante continuare a correre con i vaccini e mantenere sempre alto il livello di attenzione”.

Piemonte zona arancione la pancalera

L’ingresso in zona arancione, ha spiegato Cirio, “per le persone vaccinate non porterà ulteriori restrizioni nelle loro attività quotidiane e nella loro socialità”. E’ obbligatorio avere il green pass rafforzato (vaccinazione o guarigione) per entrare nei negozi dei centri commerciali il week end e giorni festivi e prefestivi, eccetto che negozi alimentari, edicole, librerie, farmacie e tabacchi dove l’ingresso è libero.

Green pass rafforzato anche per praticare sport di contatto all’aperto, per partecipare ai corsi di formazione in presenza.

Gli spostamenti verso altri comuni o fuori regione sono consentiti su mezzo proprio con green pass base, quindi anche solo ottenuto con il tampone. Senza green pass è possibile spostarsi con autocertificazione solo per motivi di lavoro, salute o necessità.

redazione

Next Post

Carignano, l'Anpi organizza la mostra "La memoria rende liberi"

Lun Gen 24 , 2022
In occasione della Giornata della Memoria, l’ANPI di Carignano allestirà giovedì 27 gennaio una mostra fotografica all’aperto in piazza Liberazione, dalle 9:00 alle 17:30 dal titolo «La memoria rende liberi». 20 tabelloni proporranno delle immagini scattate in occasione di un Treno della Memoria nei campi di concentramento di Auschwitz 1 […]
La memoria rende liberi carignano la pancalera