Da oggi gli screening contro l’epatite C per chi è nato dal 1969 al 1989

A partire da oggi 15 giugno inizia, nell’Asl TO5, la campagna di screening contro l’Epatite C. La campagna è rivolta a tutti i cittadini residenti nati fra il 1° gennaio 1969 e il 31 dicembre 1989.

Lo screening è un atto molto semplice (prelievo capillare con refertazione rapida in loco o venoso), raccomandato dal Ministero della Salute e dalla Regione Piemonte: a coloro che dovessero risultare positivi all’esame di primo livello sarà offerto un percorso ben strutturato di approfondimento della diagnosi e di presa in carico da parte dei servizi specialistici regionali per una cura la più tempestiva possibile. La campagna coinvolge tutti i distretti della nostra Azienda

prevenzione-epatite-c-carmagnola-la-pancalera

«L’epatite C è una malattia a genesi virale – spiegano le dottoresse Elena Gelormino e Vittoria Grammatico referenti aziendali per la campagna – spesso latente, asintomatica o paucisintomatica, che spesso cronicizza e determina, sul lungo periodo, quadri di cirrosi epatica ed epatocarcinoma con una mortalità attribuibile congiunta a quanto causato dall’altro virus per l’epatite, il ceppo B, che arriva a oltre 20 decessi per 100.000 residenti/anno (Global Burden of Diseases, WHO 2015). Il contagio avviene per via ematica, sessuale e transplacentare. Questo significa che lo screening ha più di uno scopo: portare alla luce un fenomeno misconosciuto a causa delle caratteristiche cliniche iniziali, migliorare la prognosi sul lungo periodo grazie ad un intervento terapeutico tempestivo, contenere il contagio nella popolazione»”.

Da alcuni anni, l’epatite C è curabile, e questo cambia completamente le prospettive e l’utilità di una diagnosi precoce, fino ad alcuni anni or sono piuttosto dubbie. I centri di epatologia sono in grado di trattare adeguatamente la patologia, purché la diagnosi sia precoce e precedente il danno tissutale epatico.

«L’invito dell’Asl è che tutti i cittadini che lo desiderano si sottopongano allo screening – afferma il direttore generale Angelo Pescarmona – nell’ottica della tutela della salute della comunità e della prevenzione della salute individuale».

Chi desidera effettuare lo screening può prenotarsi allo 011.9698988 o scrivere a hcv@aslto5.piemonte.it. Non è necessaria la ricetta medica.

redazione

Next Post

Incontro con Gianluigi Nuzzi questa sera nel cortile del Castello di Carmagnola

Mer Giu 15 , 2022
Il Mese della Cultura edizione 2022, rassegna culturale organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Carmagnola, offre anche quest’anno un calendario di eventi di qualità che, grazie alla partecipazione di diverse associazioni cittadine, sarà in grado di toccare molti aspetti della cultura e dell’arte: pittura, fotografia, letteratura, musica, teatro, storia […]
gianluigi-nuzzi-mese-cultura-carmagnola-la-pancalera-giornale