Nasce l’ Ufficio del Consumatore

I Comuni hanno una occasione importante per rimettere in moto l’economia interna con benefici sia Sociali che economici

 

I Comuni, nel loro ruolo di Enti Locali a stretto contatto con il Cittadino, avrebbero il Dovere e tutto l’interesse a riformare il ruolo della Pubblica Amministrazione della Città ed i servizi offerti.
Il processo di riforma passa necessariamente dai nuovi strumenti normativi messi in campo per arginare la crisi e le nuove esigenze del mercato del lavoro ed i bisogni Sociali.
Da un’iniziativa promossa “Il Comune studia da Tribunale“, diversi Comuni e Province e non da ultimi Ordini Professionali, si candidano ad essere la risposta per i cittadini che si trovano senza
uscita in quanto “sovra indebitati” mettendo in campo una procedura oltre la crisi.
Si parte dalla Legge 3 del 2012 che risponde alle esigenze del Cittadino Consumatore che si trova in uno stato di obbiettiva incapacità a far fronte ai debiti contratti; Banche ed Equitalia comprese.
Il Ruolo dei Comuni e degli Enti Locali è compreso nel Decreto Legge n.202 del 2014 che permette all’articolo 3 di presentare domanda presso il Ministero di Giustizia e costituire l’Organismo di composizione della Crisi.
Tale Organismo una volta costituito e riconosciuto dal Ministero, su nomina del Tribunale, valuta il richiedente “sovra indebitato“, facendone relazione al Giudice.
In pratica un Cittadino esposto verso Equitalia e Banche, presenta al Tribunale una domanda di esdebitazione.
Il Giudice delegato a questo punto, nomina degli esperti che fanno parte del cosiddetto “Organismo di Composizione della Crisi” costituito presso Comuni, Ordini Professionali, Enti Locali, Camere di Commercio che ne offrono gli spazi.
I professionisti sono esterni all’Ente Locale, non costano nulla (così come l’Organismo stesso), e redigono un piano di risanamento fattibile secondo le condizioni attuali del richiedente.
Tale “piano del Consumatore” viene sottoposto al Giudice delegato, il quale se lo ritiene congruo e fattibile lo Omologa rendendolo efficace verso tutti i creditori, Banche ed Equitalia comprese.
Siamo di fronte ad una vera e propria rivoluzione nell’approccio esattoriale.
Infatti la normativa permette di rimettere indietro “l’orologio impositivo”, ridando un “termine” al soggetto richiedente, il quale cerca di riprendere il corso degli eventi, personali e lavorativi, che
l’hanno portato ad avere una esposizione non più ripianabile in termini di importo e capacità.
La Politica Sociale degli Enti Locali non può e non deve restare soggetto estraneo ed inerme al lento degrado economico dei soggetti che si riparano dietro l’anonimato economico per paura di
essere aggrediti.
Di contro gli Agenti della Riscossione degli Enti Locali mettono a Bilancio somme che mai incasseranno e che non saranno redistribuite per il bene comune.
Meglio accettare un “piano” fattibile del Consumatore”, vagliato dall’autorità Giudiziaria a tutela dei creditori, che iscrivere a Ruolo somme fantasma.
Ridare dignità e decoro a chi si è trovato per i motivi più disparati a non poter far fronte agli impegni presi, vuoi per la crisi o per una malattia propria o di qualche componente della famiglia.
Nella gestione della “composizione della crisi da sovraindebitamento” si prende atto che nella maggioranza dei casi i soggetti si sono trovati a fare i conti con una procedura esecutiva che non
tiene conto della persona e delle vicende che la compongono.
I Comuni hanno una occasione importante per rimettere in moto l’economia interna con benefici sia Sociali che economici, in quanto un soggetto messo nelle condizioni di “ripartire” non pesa
all’Amministrazione e produce ricchezza in termini di consumi e imposte.
Creare lo “Sportello del Consumatore” con l’ausilio dell’O.C.C (Organismo di Composizione della Crisi), di personale competente sia in termini tecnici che sociale, genera un primo passo di
Democrazia Sociale e solidale, ponendo le basi per immagine un Sistema che tenga conto non solo della Legge ma anche delle persone.

Avv. Lorenzo Papa

 

redazione

Next Post

Il Peperone di Carmagnola si presenta a Milano

Mar Mag 17 , 2016
La presentazione della prossima edizione di Peperò viene data a Milano negli spazi del Design Food Village, presente Paolo Massobrio CARMAGNOLA Mercoledì 25 maggio 2016 alle ore 17.30 negli spazi del Design Food Village, allestito nel cortile della Fabbrica del Vapore e all’interno degli eventi della XXI Esposizione Internazionale della […]
peperò-la-pancalera