LA REGINA DADA ANDRA’ IN SCENA A CUNEO

Scritto e interpretato da Valentina Cenni e Stefano Bollani

LA REGINA DADA ANDRA' IN SCENA A CUNEO-La Pancalera

CUNEO

Giovedì 14 aprile il pianista jazz Stefano Bollani sarà in scena al Teatro Toselli in veste di autore teatrale e attore in La regina Dada, scritto a quattro mani con Valentina Cenni, attrice e danzatrice. Uno spettacolo in cui la drammaturgia si fonde con la musica per provare a esplorare i territori della creatività, sfuggendo al senso comune e alle rigide convenzioni umane, al di fuori della spirale del tempo.

“È la storia di due persone che tentano di trovare un modo di comunicare – spiega Bollani – e lo fanno attraverso al musica. Vorrebbero fare a meno delle parole”.

Insieme sul palco racconteranno l’inedito percorso di una regina di fiaba. La regina Dada abdica e fugge nella notte e si rifugia dal suo maestro di musica, per cercare la verità oltre il ruolo impostole in una vita predeterminata. Rinunciando alle parole tenta di capire qual è il vero potere dell’essere umano, finalmente libero dalla manipolazione di un destino già scritto. Simbolo del rifiuto di ogni definizione che possa ingabbiare e limitare lo spirito creativo, mette in dubbio la certezza di tutte le convenzioni, indicando nella rinuncia al suo ruolo l’unica strada autentica per trovare se stessa.

Sin da quando sono nato, penso alla morte.

Poi cresco e continuo a temerla.

Ne parlo continuamente, passo il tempo ad averne paura e a cercare di evitarla.
Ci penso così tanto, alla morte, ma così tanto che alla fine mi convinco davvero che devo morire… e finisce che muoio.

Una liberazione.

Ora, un popolo fatto di gente così rischia l’estinzione… sopravviviamo grazie agli eretici, gente che la pensa diversamente. Raramente gli eretici hanno visto delle regine schierate con loro. Ancor più raramente, si sono viste regine d’impronta dadaista.

In un solo caso, poi, si è avuta una regina insieme eretica e dadaista. E che ha come compagno di viaggio uno che usa la musica come un bruco userebbe un fungo per ripararsi dalla pioggia.

Lavarsi i denti è comunque un buon inizio di giornata. Su questo son d’accordo tutti, maggioranze e minoranze. Quindi la regina Dada si lava i denti.

E questo getta un’ombra sulla sua coerenza.

Le musiche sono di Stefano Bollani, light design Luigi Biondi, costumi di Sandra Cardini, scenografie Studio Anonimo di Max Sturiale, aiuto regia Olivia Manescalchi, regia del suono Marco D’Eramo, direttore di scena Paolo Baldini, elettricista Paolo Meglio, assistente costumista Stefano Ciammitti, fotografie Azzurra Primavera

Gli organizzatori ringraziano inoltre: Andrea Stanisci, Francesco Canavese/Tempo Reale, Diego Sciurpa /Piano et Forte srl, David Riondino, Roberto Lioli.

Produzione Stefano Bollani – Pierfrancesco Pisani – ErreTiTeatro30, in collaborazione con Infinito srl

VENDITA BIGLIETTI

Biglietti singoli per gli spettacoli della stagione

costi

interi: poltronissima e palchissimo = € 28, poltrona e palco = € 21, balconata = € 16, 1^ e 2^ galleria = € 10

ridotti (acquistabili solo al botteghino): poltronissima e palchissimo = € 25, poltrona e palco = € 18, balconata = € 13,

1^ e 2^ galleria = € 8

modalità di acquisto

I biglietti sono acquistabili on line, alla pagina: www.comune.cuneo.gov.it/cultura/teatro.

Sono inoltre in vendita presso l’Assessorato per la cultura/Ufficio spettacoli in via Amedeo Rossi 4 (Palazzo Samone), dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12, e, il giorno dello spettacolo a partire dalle 17, al botteghino del teatro (via teatro Toselli 9).

Per informazioni: t. 0171.444812/818/810 e. spettacoli@comune.cuneo.it i. http://www.comune.cuneo.gov.it/cultura/teatro/abbonamenti-e-biglietti.html

Il teatro Toselli è anche su facebook alla pagina https://www.facebook.com/teatrotosellicuneo/

VALENTINA CENNI

Nata a Riccione nel 1982, ha studiato danza classica/contemporanea per 18 anni, conseguendo varie borse di studio e il diploma della Royal Academy of Dancing di Londra. Nel 2007 viene scelta per I racconti di Canterbury di Stefan Gabor, una produzione di teatro musicale in ungherese al Teatro Nazionale di Budapest. Nello stesso anno si diploma all’ Accademia nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’ Amico. Frequenta laboratori con vari registi tra cui Carmelo Rifici, Luca Ronconi, Massimiliano Civica, MK, Massimiliano Farau. Prende parte a progetti molto diversi tra loro. Fra gli altri: Il compleanno di Pinter per la regia di Fausto Paravidino; Prenditi cura di me e Nessun luogo è lontano di Giampiero Rappa; Antigone di Sofocle per la regia di Cristina Pezzoli al Teatro Greco di Siracusa.

Canta e balla in Aggiungi un posto a tavola, prodotto dal Teatro Sistina, nel ruolo da protagonista accanto a Gianluca Guidi (con il quale ha fatto anche radio, nel programma di Radiouno Gianvarietà). E’ Rossana nel Cyrano di Bergerac di e con Alessandro Preziosi e Desdemona nell’Otello di e con Luigi Lo Cascio. E’ autrice, regista e interprete, insieme a Stefano Bollani, de La regina dada, in tour nei teatri italiani da marzo 2016. Per Rai3 è protagonista di Babele di Letizia Russo, nato all’ interno del progetto di teatro in televisione Atto unico e prende parte alla serie tv Non uccidere per la regia di Giuseppe Gagliardi. Al cinema, interpreta il ruolo di Micol nel film di Sergio Castellitto Nessuno si salva da solo.

Da una decina d’ anni inventa e porta in scena spettacoli di danza col fuoco. Di recente insieme al violoncellista Enrico Melozzi forma il duo I fuochi di Bach. Porta avanti parallelamente una attività di fotografa realizzando copertine di libri (Mondadori) e dischi (ECM, Universal). Ha inoltre ideato e realizzato il videoclip del brano Arrivano gli alieni di Stefano Bollani.

STEFANO BOLLANI

Musica come enorme gioco da re-inventare in continuazione, da solo o con i compari più diversi. Bollani sale sul palco per imparare ogni sera qualcosa e “perché è più conveniente che pagare uno psicanalista”. Cerca stimoli ovunque, in tutta la musica del passato ma soprattutto esplora il presente, l’attimo, improvvisando a fianco di grandi artisti come il suo nobile mentore Enrico Rava, Richard Galliano, Bill Frisell, Paul Motian, Chick Corea, Hamilton de Holanda. Con lo stesso animo si insinua all’ interno di orchestre sinfoniche come la Gewandhaus di Leipzig, la Scala di Milano e l’Orchestre National de Paris facendosi prendere per mano da direttori coraggiosi e entusiasti come Riccardo Chailly, Krjstian Jarvi, Daniel Harding. Insieme al bassista Jesper Bodilsen e al batterista Morten Lund, da 12 anni, cerca il modo di far vivere al pubblico lo stesso divertimento che provano loro ogni qual volta le voci dei loro strumenti si uniscono. Celebra la forma-canzone fianco a fianco con Caetano Veloso e Hector Zazou ma anche insieme a noti conterranei quali Irene Grandi, Fabio Concato, Elio e le storie tese. Quando non suona, scrive libri o inventa spettacoli teatrali come Primo Piano, con la Banda Osiris o La regina dada, scritto e interpretato insieme a Valentina Cenni, che oltre a essere una meravigliosa attrice è la donna che vive al suo fianco.

In radio, complice quel geniaccio di David Riondino, ha dato vita al Dottor Djembè, onnisciente musicologo che ha sparso semi di ironia e sarcasmo per svariati anni dai microfoni di RadioRai3. In tv, dopo l’esperienza alla corte di Renzo Arbore, si è lanciato per Rai3 in jam-session di parola e musica in due stagioni del suo Sostiene Bollani. Tutto sempre per comunicare gioia. Joy in spite of everything, come recita il titolo di un suo recente lavoro per ECM, prendendo in prestito una frase del grande Tom Robbins.
LA REGINA DADA ANDRA' IN SCENA A CUNEO, protagonisti-La Pancalera

redazione

Next Post

Dal grande nord a Yellowstone: mostra a Carmagnola

Mer Apr 6 , 2016
CARMAGNOLA Inaugura sabato 9 aprile alle ore 18 la mostra “Dal grande nord a Yellowstone”, allestita nelle sale del Museo Civico di Storia Naturale nel parco La Vigna. L’ambientazione suggestiva sarà creata dall’esposizione delle fotografie di Fabrizio Moglia e degli acquerelli di Giulia Moglia. L’esposizione potrà essere visitata fino al […]
dal-grande-nord-la-pancalera