I profughi a Carmagnola. Accolte 36 persone

La presentazione del progetto

accoglienza-profughi-la-pancalera

CARMAGNOLA – Il progetto di accoglienza migranti “Altra-meta”, attivo a Carignano dal 2014, è partito a luglio anche a Carmagnola. È gestito dall’associazione carignanese Tra Me su incarico della Prefettura di Torino, in seguito alla vincita di una gara d’appalto pubblica. Vengono ospitate 65 persone a Carignano e 36 a Carmagnola. Provengono da Mali, Costa d’Avorio, Congo, Benin, Nigeria, Afganistan (Carmagnola), Pakistan (Carignano), Gambia e Gahna.

Ai cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale vengono garantite tutte le prestazioni previste dalle leggi italiane ed internazionali a tutela dei diritti dei richiedenti protezione umanitaria. Sono coinvolti mediatori socio-culturali, assistenti sociali, psicologi, educatori professionali, infermieri, operatori amministrativi, e consulenti legali ma anche enti pubblici e privati, associazioni e privati cittadini. Lo scopo, indicato dall’associazione Tra me, è quello di realizzare una rete sociale diffusa e forte, capace di garantire una accoglienza il più possibile condivisa. Attiva in questo senso è l’associazione carmagnolese Karmadonne.

Alla serata di presentazione organizzata nel salone degli Antichi Bastioni lunedì 13 luglio, ha partecipato un gran numero di persone, affollando la struttura e gli spazi esterni nonostante il grande caldo. Il progetto è stato definito dal sindaco di Carmagnola Silvia Testa come «un’ennesima opportunità per Carmagnola».

La protesta

protesta-profughi-la-pancalera

CARMAGNOLA – Contrario al progetto di accoglienza migranti, un gruppo di manifestanti si è riunito davanti agli Antichi Bastioni dove era stata organizzata una serata di presentazione aperta a tutta la cittadinanza.

Presenti i gruppi carmagnolesi della Lega Nord e di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale con i rappresentanti politici locali Fabrizio Ottenga, Massimiliano Pampaloni, Alessandro Cammarata, Bartolo Collo.

«Ora sono direttamente le associazioni che gestiscono – ha commentato Massimiliano Pampaloni (Lega Nord) – senza nemmeno più passare dagli enti locali» e presenta un esempio: «La Germania insegna che se c’è il lavoro è possibile l’integrazione, se la situazione è gestita invece nel modo sbagliato crea solo tensioni sociali».

i.c.

redazione

Next Post

Al Giorgione Day auto e moto sfileranno per Carmagnola

Mer Lug 15 , 2015
CARMAGNOLA – Auto storiche e da rally, moto e vespe: è il Giorgione Day, «manifestazione per ricordare mio cugino Giorgio Burzio che se n’è andato troppo presto, nel dicembre 2006…» spiega Nadia Cerri, una delle organizzatrici dell’evento giunto alla nona edizione. Il Giorgione Day si terrà questa sera, 15 luglio, […]
Giorgione Day la Pancalera