I Kachupa in concerto al Nuvolari per il “Giù la maschera” tour

Kachupa-la-pancalera

Il “Giù la Maschera” tour dei Kachupa girerà in tutta Europa in importanti Festival World Music, dall’Inghilterra alla Germania, dalla Repubblica Ceca alla Slovenia fino alla Polonia. Tanti i Festival in Italia che li vedranno condividere il palco con importanti artisti, tra questi ricordiamo Goran Bregovic al Festival di Castagnole Lanze il 26 agosto.
Al Nuvolari di Cuneo il 14 giugno condivideranno il palco con i Mau Mau, band alla quale si sono ispirati in passato e che tuttora amano molto.
Il concerto inizierà alle 21 ingresso 5 Euro. E’ possibile acquistare biglietti presso il circuito di piemonte ticket.
Da venerdì 6 Maggio è in rotazione radiofonica e in digital download “Le strade vuote”, il nuovo singolo della band piemontese i Kachupa, brano che parla di relazioni che finiscono, di conflitti personali, ma anche di sogni che rompono gli schemi della società.
“Le strade vuote” è il primo estratto del nuovo album “Giù la maschera” contenente 19 tracce (14 inediti e 5 bonus track).
I Kachupa parlano così del loro nuovo progetto: ”Questo brano è il risultato di anni passati insieme a fare ed ascoltare musica, a confrontarsi con generi diversi. I nostri temi sono più maturi, così come il sound. Questo è un punto di svolta che non taglia con il passato, ma lo arricchisce con elementi nuovi”.
La band in quest’ultimi anni ha calcato palchi importanti come quello del Primo Maggio di Roma e condiviso eventi con Artisti del calibro di Eugenio Bennato, Tullio De Piscopo, Modena City Ramblers, Casino Royale, Eugenio Finardi, Vinicio Capossela, Piero Pelù, Africa Unite… fino a suonare alla Notte della Taranta, tornano con questo progetto che li porterà nei palchi di tutta Europa in un nuovo tour.

BIOGRAFIA

La Kachupa è un piatto tipico di Capo Verde (Africa) con verdura, frutta, legumi, cereali e pesce, ingredienti poveri ma ricchi di vitamine e di vita! L’energia dei Kachupa nasce da questa zuppa, simbolo di semplicità e di amore verso la natura. I Kachupa nascono come band di strada, e di strada ne hanno mangiata davvero tanta in giro per l’Europa! All’inizio c’era un piccolo carretto sul quale il batterista suonava cassa e pentole e il resto della band suonava intorno alla carovana! Questo carretto magico ha fatto vendere circa 5000 cd in Italia e Francia. Così la band decide di entrare in uno studio di registrazione e fare un disco vero, dal titolo “Gabrovo Express”, disco molto fortunato perché dopo pochi mesi viene premiato da Radio Popolare Network al MEI di Faenza come miglior disco autoprodotto del 2006. Nel maggio 2006 Gabrovo Express esce in edicola in allegato alla rivista “World Music Magazine” (8.000 copie) , l’energia Kachupa aumenta e la band inizia a suonare in prestigiosi festival e rassegne dividendo il palco con importanti artisti quali, Eugenio Bennato, Tullio De Piscopo, Modena City Ramblers, Casino Royale , Albano, Eugenio Finardi, Vinicio Capossela, Mau Mau, Piero Pelù, Africa Unite… fino a suonare alla Notte della Taranta 2010 come vincitori del concorso “Note Per La Notte” .
Nonostante i continui successi i Kachupa hanno continuato a fare spettacoli in strada per non perdere la magia in cui essi diventano fiabeschi e talvolta surreali. Nel 2011 esce un disco di svolta della band, “Terzo Binario”, 12 brani originali che raccolgono la loro storia, i viaggi, le feste vissute. Un disco pieno di energia, dove i testi sono rivolti alla coscienza, alla ragione, a volte all’altra parte di noi stessi, senza la quale una ragione non ci sarebbe.
In ottobre vincono il premio Sanremo Village 2011, manifestazione associata al più importante Festival della Canzone Italiana. Nel 2012 partecipano alla finale dell’Umbria Folk Festival e vincono l’“Inedited World Music Festival” di Rimini, premiati direttamente da Bluey Maunick, fondatore chitarrista e produttore del progetto inglese Incognito.
Nel 2014 partecipano al Concertone del Primo Maggio a Roma, come ambasciatori di Slow Food e del progetto “Diecimila orti in Africa”. Nello stesso anno il singolo “Siamo tutti Africani” raggiunge le vette delle classifiche iTunes, arrivando al primo posto della sezione World Music e viene scelto come inno di Terra Madre 2014 dal patron e ispiratore di Slow Food Carlo Petrini.
Nel maggio 2015 il nuovo singolo “Finché Ce N’è” ottiene molteplici risultati: primo nella classifica world music di iTunes, top 10 in quella dei brani più venduti e prima posizione nella indiemusiclike, la classifica (MEI) di gradimento dei brani “indie” più trasmessi in radio. Nel luglio 2015 conquistano il primo premio del contest ROMAGNA MIA 2.0 con una versione originale in puro stile “kachupa” del brano che ha reso famoso Secondo Casadei nel mondo.
Il 2016 vede l’uscita del nuovo lavoro Giù la Maschera contenente 19 tracce (14 inediti e 5 bonus track) ed un nuovo tour che porterà la band in giro per l’Europa.

 

redazione

Next Post

Pellegrinaggio al Santuario della Madonna del Sangue

Mer Giu 1 , 2016
PIOBESI TORINESE L’associazione C.A.M.S. di Piobesi organizza per domenica 26 giugno un pellegrinaggio al Santuario della Madonna del Sangue a Re (VB), luogo molto amato e meta di pellegrinaggio per gli abitanti della Val Vigezzo, famoso per un fatto miracoloso accaduto nel XV secolo. Partenza in pullman alle ore 6 da Carmagnola, fermate a […]