Grande successo per Peperò 2016

image

CARMAGNOLA

Si è svolta dal 26 agosto al 4 settembre “Peperò 2016”, la 67° Sagra del Peperone di Carmagnola” che ha proposto un intenso cartellone con eventi di gastronomia, cultura, arte e spettacoli oltre ad attività ed esperienze creative e coinvolgenti per tutti i sensi e per tutte le età. L’allestimento, la gestione e la ricerca dei 220 espositori è stata a cura quasi esclusiva dell’agenzia Totem di Chiavari (GE) che insieme all’amministrazione comunale è stata artefice di una edizione che ha esaltato le aree enogastronomiche con proposte di alta qualità e che ha registrato una eccezionale affluenza di pubblico e visitatori, stimata sulle 250.000 presenze, come per l’edizione precedente.
Né è prova anche il fatto che nei week-end molti telefoni cellulari sono andati in tilt a causa delle eccessive connessioni alle celle. Tutto ciò grazie anche alle condizioni climatiche che sono state clementi con la pioggia che ha disturbato solamente nella tarda serata di lunedì 29 agosto. La pagina facebook è stata molto seguita con i numeri di “mi piace” aumentati di 1500 unità nei 10 giorni di kermesse.

Altri indicatori sul bilancio della manifestazione arriveranno dai risultati di una qualificata ricerca universitaria sugli effetti economico-sociologico-turistici che è stata commissionata per il terzo anno consecutivo. La ricerca della scorsa edizione ha stimato in circa 2.600.000 euro il volume minimo della ricchezza prodotta sul territorio cittadino, un risultato eccellente che il Comune spera possa essere uguale o superiore per la 67^ edizione appena terminata. I primi risultati della nuova ricerca si avranno a metà ottobre e viene nuovamente condotta dal dott. Giuseppe Attanasi – ricercatore confermato dell’Université de Strasbourg (Francia), direttore del LEES (Laboratoire d’Économie Expérimentale de Strasbourg) e docente presso il Dipartimento di Economia dell’Università Bocconi di Milano e presso l’Université de Lille Sciences et Technologies – e dalla dott.ssa Valentina Rotondi dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

Riconosciuta da sei anni come Manifestazione Fieristica di Livello Nazionale, “Peperò 2016” ha proposto un ricco cartellone di proposte ed eventi con la Piazza dei Sapori ed altre aree per l aristorazione, la Piazza Peperò con cookingshow, cene preparate da scuole alberghiere e talk show con il noto giornalista Paolo Massobrio, street food, la rassegna commerciale, spettacoli di teatro e di cabaret con comici noti al grande pubblico, concerti con principale ospite Irene Fornaciari, balli in piazza, esibizioni sportive, raduno di trattori ed auto d’epoca, primo concorso d’Eleganza riservato a motocicli Vespa, Ape e Vespa 400, la Festa di Re Peperone e la Bela Povronera con sfilata di centinaia di personaggi in costume, mostre, convegni, un grande spazio per i bambini con attività e spettacoli a loro dedicati, Street Festival e Baby Street Festival OrtoQui, ecc…

I visitatori hanno apprezzato le novità che si sono aggiunte alle proposte tradizionali. Sono andate molto bene anche le attività a scopo benefico organizzate per la Fondazione FORMA Onlus, la Fondazione dell’Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, per le quali è stata molto preziosa la collaborazione con la Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant’Albano Stura.
Sono stati venduti circa 1500 kg di Pane della Sagra, pane al peperone che è stato proposto in collaborazione con l’UNITRE cittadino e preparato dalla panetteria Sbrana di Carmagnola con offerte a scopo benefico per Casa Roberta, residenza per l’accoglienza di chi non è in condizioni di vivere autonomamente.

Nell’ultima domenica per tradizione è stato organizzato un grande evento gastronomico finale che quest’anno ha previsto un’enorme preparazione di “risotto al peperone e toma di lanzo” servito gratuitamente al pubblico in 2500 porzioni grazie all’aiuto del Consorzio del Peperone di Carmagnola, del Comune e della Pro Loco di Usseglio, della Pro Loco di Gorgonzola e di 60 eroici volontari che i visitatori hanno visto al lavoro dalle nove della mattina.

“Peperò 2016” ha anche previsto controlli di qualità igienico sanitari sugli alimenti. I 90 stand enogastronomici dislocati in una superficie espositiva di oltre 14.000 metri quadrati sono stati soggetti a verifiche ispettive igienico sanitarie effettuate dalla LA.ECO.VET. – ditta specializzata nel fornire servizi di consulenza e analisi microbiologiche, chimiche e ambientali/ecologiche nel settore agro-alimentare- che hanno promosso la qualità degli operatori non riscontrando nulla di irregolare.

redazione

Next Post

Buon compleanno Emanuele

Gio Set 8 , 2016
SALUZZO Domenica 18 settembre 2016 al parco del Tapparella di Saluzzo si svolgerà la giornata organizzata dall’Associazione “L’Airone”, dalla “Ludoteca Mago Merlino”, dalla coop e dai “I Ciliegi Selvatici” di Manta, in occasione del bicentenario della nascita di Emanuele Tapparelli d’Azeglio, in collaborazione con il Comune di Saluzzo, la Fondazione […]