Giornate FAI all’aperto, visite a parco e giardino del Castello di Envie

Domenica 28 giugno la Delegazione FAI Saluzzo porta alla scoperta del parco e giardino del Castello di Envie. Aperti il parco e castello della Manta.

Parco-Castello-di-Envie

Il Fondo Ambiente Italiano propone di tornare a scoprire le bellezze d’Italia in sicurezza, con una edizione speciale all’aperto che coniuga patrimonio d’arte e natura.

La Delegazione FAI Saluzzo propone quindi, domenica 28 giugno, un’immersione nel verde alla scoperta del giardino e del parco del castello neogotico di Envie. Un maniero che sorge al centro del paese, fatto erigere nel 1260 dal Marchese di Saluzzo sotto forma di ricetto, strumento di difesa nell’area di confine, tra Principato D’Acaja e Marchesato, intorno agli insediamenti del Montebracco. La visita condurrà nel parco, un tempo “all’inglese” incontrando la grande serra, alberi ad alto fusto, come il cedro del Libano, piante esotiche, pini secolari, alloro indiano, ortensie. Il verde farà da fondale alle rovine medioevali merlate e allo scenografico impianto successivo del maniero che, con le sue numerose decorazioni, richiama l’ambiente cavalleresco e il mondo romantico dei cavalieri. Sarà presente l’artista Franco Giletta con alcuni suoi quadri che dipinge nella torre del Castello, suo atelier d’arte.

La visita

Per garantire il rispetto delle norme di sicurezza e il distanziamento sociale, le visite sono programmate dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 17,30 di domenica 28 giugno con un massimo di 10 persone per gruppo.

La prenotazione è obbligatoria. Potrà essere effettuata solo online sul sito www.giornatefai.it a partire da martedì 23 giugno fino alle 15 di venerdì 26 giugno.

Tornare a visitare i luoghi straordinari del nostro Paese significa tornare a valorizzarli e a proteggerli” sottolinea il capo Delegazione Marco Piccat.

La raccolta fondi per il FAI

L’edizione speciale delle Giornate FAI all’aperto diventa anche occasione di una raccolta fondi, in un momento di grave difficoltà economica che coinvolge tutte le realtà culturali. Al momento della prenotazione verrà dunque richiesta l’erogazione di un contributo minimo di 3 euro per gli iscritti al FAI e di 5 euro per i non iscritti. Chi volesse sostenere in maniera più concreta il FAI lo potrà fare con contributi di importo maggiore.

Informazioni: 370/3069154 saluzzo@delegazionefai.fondoambiente.it

redazione

Next Post

Racconigi, il libro di Andrea Piovano alla Soms di Progetto Cantoregi

Mer Giu 24 , 2020
Soms di Progetto Cantoregi sabato 4 luglio accoglie Andrea Piovano con il suo alter ego Alec Ronchi che presenta il libro “1534. Follia e verità” La Soms di Progetto Cantoregi a Racconigi, che ha riaperto al pubblico le sue porte nel rispetto di tutte le normative sulla sicurezza, propone un […]
Andrea-Piovano