Foro Boario Carmagnola. L’Amministrazione procede col bando per i lavori. Protestano gli agricoltori: sottovalutano la situazione

Foro-Boario-Carmagnola-la-Pancalera

CARMAGNOLA – L’Amministrazione comunale di Carmagnola ha ascoltato e raccolto le istanze e le proposte pervenute dagli operatori del mercato del bestiame di piazza Italia, che hanno sollecitato un incontro a seguito del bando per i lavori di sistemazione Foro Boario lanciato dal Comune. Gli operatori del mercato infatti non ne condividono alcuni aspetti, in particolare la riduzione dell’area a loro disposizione nel Foro Boario per lasciare spazio ad un’area conferenze, e soprattutto  la possibile chiusura, che se temporanea, del mercato nel periodo di esecuzione dei lavori.

L’Amministrazione comunale ha valutato gli argomenti proposti, nel corso degli incontri avvenuti nelle scorse settimane, dalle associazioni sindacali degli agricoltori e dagli altri operatori che a vario titolo operano presso il Foro Boario di piazza Italia. Ma ha stabilito di mantenere immutato il bando di appalto, con termine per la presentazione delle domande al 31 marzo 2015: «Comprendiamo le ragioni sottoposte alla nostra attenzione dagli operatori del mercato – sostiene la Giuntae la preoccupazione che sempre accompagna la realizzazione di lavori importanti, come quelli previsti al Foro Boario. Non riteniamo però utile, in questa fase, attuare delle modifiche al bando di appalto proposto. In seguito, sarà possibile considerare e valutare l’eventuale inserimento di modifiche progettuali, secondo quanto proposto dai soggetti interessati. Siamo ben consapevoli delle difficoltà e lavoreremo con l’obiettivo di non compromettere la funzionalità del mercato».

Decisa la risposta della CIA, la Confederazione Italiana Agricoltori di Torino, per mezzo delle parole del presidente Roberto Barbero: «La scelta ribadita dall’Amministrazione comunale di Carmagnola di procedere nell’iter di appalto per i lavori di piazza Italia senza effettuare alcuna variazione denota tutta l’arroganza e l’impreparazione di questa Giunta nel gestire situazioni delicate e strategiche per l’economia della città. Prendiamo atto della risposta alle nostre istanze e della loro totale sottovalutazione ma non abbiamo intenzione di fermarci qui. Insieme a Confagricoltura e agli operatori del mercato ora stiamo valutando quali passi adottare, ma sicuramente continueremo uniti la nostra protesta».

i.c.

 

redazione

Next Post

Casagrasso. Il Gruppo Giovani dona sorrisi alla Casa di riposo

Mar Mar 17 , 2015
  CASALGRASSO – Una domenica di vero e proprio altruismo, in una giornata, quella dello scorso 15 marzo, in cui i sani valori, il cuore e le buone azioni non sono stati affatto tralasciati. Tutti fattori mostrati dal Gruppo giovani dell’oratorio di Casalgrasso (con i ragazzi delle superiori abituati a […]