Formaggi dop, Uncem: serve sostegno al settore lattiero- caseario

Uncem e Assopiemonte DOP e IGP uniscono le forze per individuare soluzioni volte a sostenere le imprese del settore lattiero-caseario. Soffrono in modo particolare i produttori di Castelmagno, Robiola di Roccaverano, Murazzano, Ossolano, Toma Piemontese, con filiere nei territori montani dove è più impegnativo realizzare l’attività di allevamento, trasformazione, stagionatura. Le imprese subiscono gli effetti negativi del lungo periodo di blocco della commercializzazione di prodotti DOP e IGP – dei formaggi ma anche di agnelli e capretti – causato dallo stop di fiere, mercati, turismo locale, ristoranti, trattorie, mense e anche dell’export, ovvero dei canali dove tradizionalmente si vendono i prodotti tipici del territorio. 

I produttori hanno continuato a sostenere costi, prevalentemente legati al mantenimento delle mandrie e greggi, senza incassare“, sottolinea Evanzio Fiandino, Presidente di Assopiemonte DOP e IGP.

I numeri sono drammatici

Robiola di Roccaverano DOP Invenduto ogni settimana circa 2.000 kg, equivalenti a circa 13.000 kg di latte corrispondenti a un danno pari a € 20.000 a settimana. Qualche produttore si converte a lavorazioni presamiche che in alternativa a lavorazioni lattiche permettono di fare lavorazioni di media stagionatura ma con scarso successo. In più le quotazioni capretti su valori irrisori pari a circa 2,50-3,00€/kg peso vivo.

Castelmagno DOP Invenduto ogni settimana pari a circa 4.000 kg di prodotto con il rischio reale di ingolfare le stagionature. Valore del danno pari a circa € 40.000 a settimana. Alcuni hanno svenduto il latte ricavando 28,50 centesimi/litro contro un costo di produzione di 57 centesimi/litro stante che i vincoli produttivi sono simili a quelli del Parmigiano Reggiano con maggiori problematiche legate alla logistica e al territorio.

Murazzano DOP Quantità di invenduto ridotte poiché buona parte del latte va agli agnelli, che però sono invenduti o svenduti a quotazioni intorno ai 2,00€/kg peso vivo. Comunque il costo del formaggio, ovviamente all’ingrosso è intorno ai 10,00-11,00€/kg.

Ossolano DOP Grandi quantità di invenduto e necessità di collocare a prezzi dignitosi dai 300 ai 600 quintali di latte a settimana.

Gravi danni per gli operatori dopo il blocco per Covid

L’emergenza nel caso dei formaggi dop e igp ha creato, soprattutto nei circa 70 giorni di stop (dalla prima decade di marzo sino a metà maggio) pesanti blocchi alla commercializzazione e danni gravissimi agli operatori (aziende agricole, piccole imprese e piccole cooperative). Ciò è dovuto principalmente al fatto che si è bloccato il turismo, il canale Ho.Re.Ca. (in particolare ristoranti e trattorie), il dettaglio tradizionale-negozi di specialità e anche le aree mercatali di prossimità alle aree di produzione, vale a dire i luoghi di eccellenza per la commercializzazione di questi prodotti. I notevoli volumi di vendita fatti registrare al dalla grande distribuzione organizzata non hanno interessato le produzioni di formaggi dop in quanto fuori da tali canali e semmai presenti, solo in alcuni rari casi, ai banchi taglio, disertati però dai consumatori per evitare code. “Il risultato – continua Fiandino – è stata la paralisi commerciale che ha costretto, a seconda della tipologia delle produzioni a buttare via il latte o a svenderlo, a interrompere la produzione, a eliminare formaggi non stagionabili, ad avere eccedenze in magazzino senza sapere se mai si riuscirà a smaltirle“.

Uncem: il comparto formaggi dop va sostenuto

“Questo comparto va sostenuto – evidenziano Lido Riba e Marco Bussone, Presidente regionale e nazionale Uncem – Il dialogo avviato con i rappresentanti politici regionali e nazionali da Assopiemonte viene fortemente sostenuto da Uncem. Avviamo una collaborazione in una fase molto delicata e critica per il settore che non può in alcun modo essere lasciato solo“.

redazione

Next Post

Apre la Via del Sale, percorso che collega Limone alla riviera ligure

Mar Giu 16 , 2020
Ufficializzata oggi la riapertura della Via del Sale che si snoda tra i 1800 e i 2100 metri di quota lungo lo spartiacque alpino sul confine italo-francese La Casa del Turismo di Cuneo ha ospitato oggi, lunedì 15 giugno, l’ufficializzazione dell’apertura 2020 della Via del Sale. Una riapertura estiva che […]
presentazione-alta-via-del-sale