Fashion Stories con Elia Tarantino ai Giovedì Sotto le Stelle di Carmagnola

Dopo la pausa dello scorso anno, nel rispetto delle misure necessarie al contenimento della pandemia, ha ripreso il via la storica kermesse “Giovedì sotto le Stelle” che tra il 17 giugno e il 5 agosto propone otto piacevoli giovedì sera a Carmagnola (TO). Vi saranno negozi aperti, musica, sfilate di moda itineranti, spettacoli di magia e intrattenimenti rivolti a tutte le fasce di età, degustazioni e menù speciali.

Giovedì Sotto le Stelle Carmagnola la Pancalera

Vestiti che usciamo” è il claim di questa edizione che sta dando impulsi di allegria, colore e ritorno alla normalità alla città di Carmagnola e al suo commercio, con le strade della città che diventano “vie della moda”, “vie del gusto e del vino”, “vie della musica” e “vie della magia”. 

La serata del 1° luglio è dedicata soprattutto alla moda con le “Fashion Stories” curate da Elia Tarantino, dalle ore 20.45 in piazza Garavella e dalle ore 22 in via Valobra all’altezza della Chiesa di San Rocco. Un momento dinamico e creativo tra vetrine animate, shooting fotografici e sfilate in collaborazione con i negozi e i commercianti della città.

Molti negozi rimangono aperti e le attività di ristorazione offrono ricche proposte, dagli aperitivi ai piatti tradizionali al tagliere piemontese. L’elenco dei locali aderenti è consultabile nella pagina www.facebook.com/giovedisottolestelle

I Giovedì sotto le Stelle continueranno sino al 5 agosto con numerose e divertenti proposte per tutti i gusti e tutte le età.

La manifestazione è a cura di Ascom Carmagnola, in collaborazione con Laboratorio Gourmet Carmagnola e Proloco Carmagnola, con il patrocinio del Comune di Carmagnola, la media partnership con Radio Veronica ed il sostegno di BCC di Casalgrasso e Sant’Albano Stura, Reale Mutua Assicurazioni di Carmagnola, Donna Ferramenta, Pasta Berruto e Valgrana. 

redazione

Next Post

Inaugurata la biblioteca di Saluzzo nell'ex caserma Musso

Mar Giu 29 , 2021
«Grazie perché con questa biblioteca che porta il nome di mia madre proseguiamo la sua attività di testimonianza». E’ il pensiero di Aldo Rolfi, figlio di Lidia Beccaria Rolfi, deportata politica, insegnante, staffetta partigiana e scrittrice di Mondovì che dà il nome alla nuova biblioteca civica saluzzese, di cui sabato […]
biblioteca-saluzzo-lidia-beccaria-rolfi-la-pancalera