Covar14 verso la società unica con Cidiu Servizi spa

CARIGNANO – È stata approvata lunedì 28 settembre, dall’Assemblea dei sindaci del Covar14, la nuova delibera di indirizzo per la seconda fase della procedura che porterà alla costituzione della società unica tra Cidiu Servizi Spa e Covar14. Il percorso passa attraverso l’individuazione di un partner privato, che costituirà un unico polo societario con i due enti e avrà in “dote” il 49% delle quote.

L’iter, partito il 5 luglio 2013, prenderà forma concreta entro fine anno, con il bando di gara che detterà caratteristiche e compiti del socio privato, già delineati negli atti di indirizzo approvati nei mesi scorsi.

La nuova società avrà in concessione ventennale: il servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani dell’intero territorio del Covar14 e la parte del territorio di Cados gestita da Cidiu; il servizio di gestione post operativa delle discariche esaurite di proprietà di Cidiu SpA e Covar14; il servizio di gestione dell’impianto di trattamento dell’organico sito in Druento, compresa la riqualificazione impiantistica, e la connessa discarica di servizio; il servizio di gestione delle aree di messa in riserva presenti presso la sede di proprietà di Cidiu SpA denominata Cascina Gaj e l’area impiantistica di Druento; i servizi strumentali e accessori alle attività di accertamento e riscossione della tassa/tariffa ambientale.

I nuovi indirizzi cambiano il destino della società Pegaso 03 Srl., che non confluisce direttamente nella società integrata, ma conserva lo status di srl e di “soggetto giuridicamente separato”, che continuerà a svolgere i servizi di riscossione e accertamento per i Comuni.

Per la nuova società restano invariati gli obiettivi prefissati in passato: riduzione dei costi e miglioramento dei servizi, da raggiungere anche con un incremento continuo dei risultati di raccolta differenziata sull’intero territorio, finalizzato a raggiungere una percentuale di raccolta differenziata del 75%. Un miglioramento che dovrà essere sia quantitativo, con l’aumento della percentuale di raccolta differenziata, sia qualitativo, con una maggiore “purezza” del materiale raccolto e avviato al recupero.

La delibera ha avuto il voto favorevole dei presenti, con due le astensioni: dell’assessore di Vinovo, Fernando Vignali, e dell’assessore di La Loggia, Giuseppe Nocera.

 

redazione

Next Post

None nel progetto sperimentale sulla tutela del suolo

Gio Ott 1 , 2015
Città metropolitana di Torino NONE – None, con Settimo Torinese e Chieri è stata selezionata dalla Città metropolitana di Torino e dal Politecnico di Torino – Dipartimento Dist per partecipare al progetto Sam4Cp “Soil Administration models for community profit” nell’ambito del programma Life+. Si tratta di tutelare il consumo di […]