Confabitare sul disegno di legge sul Consumo del Suolo

Confabitare-la-Pancalera

CUNEO

Confabitare Cuneo Associazione dei Proprietari Immobiliari il 5 febbraio 2016 era presente al convegno – tavolo di lavoro inerente il disegno di legge “sul consumo del suolo”; ottima iniziativa di un insieme coeso di ordini professionali, che sono riusciti, grazie ai crediti formativi, a radunare circa 500 professionisti cuneesi.

Nel merito del dibattito abbiamo potuto notare come i relatori Avv. Golinelli e Ing. Arch. Dezzani ci hanno illustrato il punto della situazione legislativa, hanno posto l’attenzione sull’inefficacia del Disegno di Legge così come strutturata, anche in “odore” di incostituzionalità su certi passaggi – ha affermato il presidente Confabitare Cuneo Valerio Racca – Gli Ordini hanno depositato nelle mani politiche un elaborato anch’esso direi critico in merito al disegno di legge.

Gli auditori rumoreggiavano fra i banchi, era evidente l’applauso alle mozioni di sfiducia dei relatori verso la legge dei presenti investitori che avevano terreni fabbricabili; erano altrettanto rumorosi i sentiment di chi non avendo terreni edificabili, colto da invidia, si trasformava in ambientalista convinto“.

Alcuni concetti sono stati particolarmente sottolineati.

Il disegno di legge parte dal lontano 2012, “arriva oggi in discussione assembleare e nessuno se ne era accorto…., tranne il neo Ministro Costa, che nel luglio 2015 a margine di un convegno sul Catasto accenno a questo disegno di legge; Confindustria Cuneo a Novembre 2015 fece una riunione, devo dire poco frequentata, dove ripropose il problema di un disegno di legge non ben concepito.

Oggi, che è troppo tardi, si alzano gli scudi, dice bene il Relatore On. Massimo Fiorio, che il disegno di legge ormai va avanti, e tra le sue parole si capisce che l’impianto sarà quello ieri discusso e poco varierà.

Come sempre lo scollamento fra “polis” e “politica” è enorme, oggi si propongono tavoli di dialogo quando dialogo non ci può essere“.

Giovedì 28 febbraio a Milano è stato presentato l’Osservatorio Parlamentare Immobiliare, nuovo organismo che dovrebbe essere il punto di dialogo e di contatto fra Parlamento e cittadino sulle tematiche immobiliari.

Cosa pensa Confabitare Cuneo: “ormai è tardi, la Legge si farà in quanto nessuno vuole essere tacciato come “cementificatore”, ma nessuno vuole prendersi la responsabilità di dire che questa legge sarà un disastro economico per le Banche, professionalmente devastante, e sociologicamente inutile.

L’italiano ormai sa che si deve cementificare il meno possibile, la società è già pronta non c’è bisogno di raffazzonare una legge per far capire al cittadino che anche i politici ci sono arrivati.

A nostro avviso basta inserire nella normativa vigente un obbligo alle regioni di dotarsi di un Piano Paesaggistico Regionale, verificare che ogni Comune Italiano abbia un Piano Regolatore che normi il consumo del suolo.

Ebbene concludendo, i cittadini grazie all’imposizione fiscale chiedono ai sindaci di rendere agricoli i terreni edificabili, per cui chiediamo alla politica di non distruggere quello già fatto negli anni dalle Regioni, vedasi il Piemonte, quello che con calma, con gli anni socialmente si è già creato, una mentalità condivisa ecologista e ambientale che ogni italiano ha assimilato e condiviso.

Questa Legge creerà scollamento e problematiche sociali importanti, con effetti che purtroppo si possono solo immaginare“.

 

redazione

Next Post

Emanuela Nota prima al Trofeo Seyken

Lun Feb 8 , 2016
CARMAGNOLA Domenica 24 gennaio si è svolto a Ciriè il 13° Trofeo Seyken di karate riservato alla specialità del kata. Emanuela Nota, l’atleta di Artesport Carmagnola, ha confermato il suo buon livello conquistando ancora il primo posto. Con un buon Heian Yondan, kata solitamente riservato alle blu, nonostante fosse appena […]
Emanuela-Nota-la-pancalera