Colle della Maddalena: per evitare blocchi e chiusure servono i paravalanghe

Confindustria Cuneo ha scritto all’Anas per discutere sullo stato di avanzamento del progetto di realizzazione delle strutture per il contenimento della neve

Con una lettera inviata al Capo compartimento della viabilità per il Piemonte-Anas, ing. Valter Bortolan, Confindustria Cuneo è tornata a porre l’attenzione sulla transitabilità del Colle della Maddalena, problematica di primario interesse per l’economia della provincia di Cuneo considerato che il valico internazionale è quotidianamente utilizzato dai mezzi di numerose imprese. Nella missiva, l’Unione industriale della Granda ha chiesto all’Anas un incontro per verificare lo stato di avanzamento del progetto di realizzazione delle strutture paravalanghe proprio in vista dell’imminente stagione invernale e in considerazione delle prime nevicate che hanno già portato, tra l’altro, alla chiusura del valico nel mese di ottobre.

colle-della-maddalena-la-pancalera

«Alla prima nevicata la circolazione sul Colle della Maddalena, seppur su indicazione delle autorità francesi, è stata interdetta e siamo solo ad ottobre – afferma il presidente di Confindustria Cuneo, Franco BiraghiCi torna in mente quanto accaduto nell’inverno 2013/2014, quando il colle restò chiuso circa 50 giorni arrecando un gravissimo danno alle nostre imprese e all’economia della provincia di Cuneo. Non vorremmo accadesse la stessa cosa, sarebbe inaccettabile. Se il problema sarà ancora una volta il rischio valanghe, chiediamo allora all’Anas a che punto sia il progetto di realizzazione di queste strutture di cui si parla da troppo tempo».

La strada che conduce al colle della Maddalena ricoperta di neve (foto d’archivio)

In una convenzione per l’avvio del Pidav (Piano di intervento per il distacco artificiale delle valanghe), il progetto avviato pochi anni fa volto proprio a limitare le interruzioni della viabilità sulla Statale 21, al quale Confindustria Cuneo aveva peraltro dato un contributo finanziario, si trova l’impegno di Anas a realizzare uno studio di fattibilità per la progettazione e realizzazione delle strutture paravalanghe necessarie e ad acquisire i necessari nulla osta, autorizzazioni e pareri.

«Il Pidav è stato positivamente testato durante le ultime due stagioni invernali – prosegue Biraghi – ma per quel che ci riguarda rappresenta una soluzione “tampone”, in quanto l’unica soluzione del problema, a medio-lungo termine, è data dalla realizzazione di barriere paravalanghe, la cui progettazione deve essere avviata. A che punto è, quindi, lo stato di avanzamento del progetto? Nel documento descrittivo del “Progetto sperimentale di azioni e monitoraggio al fine di mitigare il pericolo valanghe sulla Statale 21 al valico del Colle della Maddalena” è stato previsto nel piano triennale dell’Anas un impegno di oltre 50 milioni di euro per la messa in sicurezza del colle, prevedendo proprio la costruzione di un sistema di paravalanghe. In attesa di risposte, ricordiamo che quarant’anni fa, senza piani valanghe, mezzi di rimozione come quelli attuali e strutture di contenimento della neve, non è mai successo che il colle stesse chiuso per giorni e giorni come accaduto nel recente passato».

redazione

Next Post

None. Gita della bagna cauda con l’Avis

Mer Ott 19 , 2016
NONE L’Avis di None organizza per domenica 13 novembre la “Gita della Bagna Cauda”. Il programma prevede la partenza da None (piazza Cavour) alle ore 8 per dirigersi a Castelnuovo Don Bosco dove si assisterà alla messa al Santuario di Maria Ausiliatrice. La visita ai musei e alla casa natale […]