Il Castello di Pralormo apre il suo parco per Madamigella Orchidea

Nell’antica serra francese del Castello di Pralormo, bellissima costruzione del XIX secolo in ferro e vetro proveniente da Parigi, fra una bellissima collezione di felci particolari e il profumatissimo gelsomino, regna indisturbata ‘’Madamigella Orchidea’’. E’ la protagonista del prossimo fine settimana, quando la nobile dimora tornerà ad aprire per le visite.

Racconta la proprietaria del Castello, Consolata Pralormo: «’Per tutto il mese di aprile ho ammirato in solitudine lo strabiliante spettacolo della fioritura dei miei tulipani. Per condividerne con voi la bellezza ho pensato di omaggiare a tutti i visitatori che verranno al Castello sabato 8 e domenica 9  maggio, alcuni bulbi di tulipano. Sono proprio i bulbi che, nel mese di aprile, erano fioriti nel nostro parco e che potranno fiorire nei vostri terrazzi e giardini!».

E Messer Tulipano ora cede il passo a Madamigella Orchidea. Tra le varietà di orchidee fiorite si ammirano la Cypripedium (detta anche scarpetta di Venere), la Phalaenopsis,  la Cymbidium e la straordinaria varietà ‘’Vanda’’ (che si è naturalizzata dopo 7 anni sul muro della serra) la cui particolarità è quella di non avere la terra ma di ricevere nutrimento solo tramite la nebulizzazione delle radici.

madamigella-orchidea-castello-pralormo-la-pancalera-giornale-notizie

Esposizione di acquerelli “Il gatto e l’orchidea”

Inoltre, da sabato 8 maggio, una NOVITA’ all’interno della serra: l’esposizione di una serie di acquerelli dell’artista e scrittrice cinese Kwong Kuen Shan tratti dal suo libro ‘’Il gatto e l’orchidea’’. L’idea è nata anche per omaggiare Lunetta, la gatta castellana che, chi ci segue sui social, ha già conosciuto!

Gli acquerelli illustrano i gatti e la saggezza del loro comportamento. Ma raccontano anche della bellezza e dell’energia silenziosa dei fiori e, in particolare, delle orchidee.

In Cina il significato dei fiori, le cui radici risalgono a migliaia di anni fa, è strettamente legato alla cultura, alla religione e ai miti. Molti sarebbero dotati di grande saggezza, e alcuni di essi sono divenuti parole chiave che evocano concetti, simboli di vita, esempi di virtù.

Le illustrazioni sono accompagnate da proverbi, poesie, pensieri e citazioni da classici popolari cinesi. Aiutano a guardare i fiori con occhi nuovi e che animano bei sentimenti, riflessioni e stupore. Come accade ai gatti raffigurati, che sembrano affascinati dai fiori tra i quali si muovono.

redazione

Next Post

Italia Viva propone di trasformare l'ex Casa delle Guardie in coworking

Mer Mag 5 , 2021
Il Comitato di Italia Viva del Chierese e Carmagnolese lancia una proposta per un nuovo utilizzo della ex Casa delle Guardie a Carmagnola: trasformarla in una sede di coworking. L’ex convento agostiniano è situato nel cuore della città e necessita di una ristrutturazione completa e una nuova destinazione d’uso. L’idea […]
Coworking-comitato-italia-viva-chierese-carmagnolese-la-pancalera-giornale-notizie