Carmagnola, partiti i lavori per la nuova piazza Italia

Foro-Boario-la-pancalera

CARMAGNOLA
Sono iniziati a fine febbraio i lavori di riqualificazione di piazza Italia, che saranno eseguiti in circa sei mesi in due fasi distinte, per evitare la chiusura temporanea del mercato del bestiame che lì si svolge dalla seconda metà degli anni ‘70.
L’Amministrazione Comunale di Carmagnola ha presentato l’intervento di riqualificazione del Foro Boario di piazza Italia come un progetto che nasce «dalla scelta condivisa di mantenere il foro boario, l’area fieristica e i nuovi servizi ad essi collegati in una zona centrale, bocciando l’idea del trasferimento in zona periferica».
Queste le ragioni che hanno portato il Comune allo studio del progetto: «Oggi si è di fronte ad una struttura notevolmente sovradimensionata, ma anche obsoleta, rispetto alle modalità di contrattazione attuali, e comunque non più in grado di rispondere alle nuove esigenze degli addetti del settore e della Città. Sull’area sono infatti presenti ben tre tettoie per una superficie coperta di oltre 6.950 mq, caratterizzate da una struttura di tipo industriale in cemento armato prefabbricato e coperture in lastre di fibrocemento contenenti amianto».
La scelta dell’Amministrazione è quella di ridimensionare lo spazio ad uso esclusivo del foro boario, creando le condizioni ideali per poter ospitare i nuovi servizi attinenti il settore agricolo: «Le funzioni legate allo svolgimento del mercato del bestiame e del mercato del foraggio verranno comunque soddisfatte mediante il mantenimento della tettoia aperta su via Gobetti (liberata dalle superfetazioni, bonificata dall’amianto e dotata di una nuova copertura metallica) e gran parte dell’ampio piazzale adiacente, che sarà completamente riasfaltato e continuerà ad essere recintato per motivi di sicurezza. La restante metà dell’area pari a circa 7000 mq sarà quindi oggetto di una completa rifunzionalizzazione nell’ottica di creare un nuovo polo economico multifunzionale dotato di grande attrattività, a servizio non solo degli operatori del settore, ma concepito quale punto di incontro tra il modo agricolo e le altre realtà economiche e sociali della città, in modo da essere fruibile da tutti per 365 giorni all’anno. Sarà possibile quindi usufruire di nuovi spazi aggregativi destinati alla formazione e alla condivisione delle esperienze professionali (convegni, esposizioni, laboratori, eventi), nonché di una grande vetrina espositiva permanente nel cuore della città, in cui sarà anche possibile acquistare al dettaglio i prodotti tipici locali Made In Carmagnola».
Il fabbricato destinato al Centro Servizi per l’Agricoltura avrà quattro uffici, una sala contrattazioni con angolo bar, una sala convegni e uno spazio dedicato alla valorizzazione dei prodotti locali (vetrina del territorio). Il fabbricato destinato ad estensione dell’Area Fieristica avrà due grandi saloni polifunzionali di dimensioni diverse e una zona centrale dedicata ai servizi comuni.
I materiali utilizzati saranno naturali ed eco-compatibili. Le strutture portanti dei nuovi edifici saranno realizzate in legno lamellare di tipo X-Lam. I nuovi fabbricati saranno certificati in classe energetica A3 e A4 e dotati di impianto fotovoltaico con potenza di 32,40 kWp.
Infine, i costi per la realizzazione dell’opera: «Abbiamo scelto di utilizzare lo strumento dell’appalto integrato, mediante l’impiego dei finanziamenti regionali derivanti dai Piani Territoriali Integrati per € 1.175.645,00, da quelli ministeriali del PRUSST per € 896.577,38 oltre al finanziamento con fondi propri per € 130.628,00 per un ammontare complessivo di  € 2.202.850,38».

redazione

Next Post

Open Day a Villa San Vincenzo di Scarnafigi

Gio Mar 31 , 2016
  SCARNAFIGI Come ormai da tradizione, in occasione della Fiera di Primavera di Scarnafigi, Villa San Vincenzo di Vicolo Campagna 5 apre le porte ai visitatori. Domenica 3 aprile presso la Residenza si svolgerà una giornata di Open Day: ad intrattenere il pubblico dalle ore 16 ci sarà il trio musicale […]