Il pronto soccorso di Bra non riapre. Icardi: obiettivo è la migliore assistenza

Pronto Soccorso Bra

L’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi, ha risposto ai Gruppi consiliari del centrosinistra braidese in merito al servizio di Pronto Soccorso a Bra.

«Non è possibile riaprire il Pronto Soccorso a Bra, semplicemente perché oggi manca l’ospedale. Per legge (vedasi DPR 14.1.97, DM 70/2015, DCR 616/2000 e successive modifiche e integrazioni), infatti, dietro ad ogni Pronto Soccorso devono esserci dei reparti operativi, come, ad esempio, Medicina, Radiologia, Anestesia, Chirurgia, che ora, per effetto del trasferimento in corso a Verduno, non sono più presenti nella sede braidese».

Il piano di trasferimento dell’Asl Cn2 riguardante gli ospedali di Alba e Bra a Verduno prevede l’operatività del DEA a Verduno tra un mese e mezzo, intorno alla metà di luglio.

«I cittadini non hanno tanto “bisogno di assistenza in prossimità di casa”, quanto semmai della migliore assistenza, con reparti e cure adeguate agli standard strutturali, tecnologici e sanitari. Gli spazi del Pronto Soccorso di Bra saranno molto utili per realizzare nel prossimo futuro alcuni dei servizi essenziali della Casa della Salute, anche come prima accoglienza medica ed infermieristica (cure primarie e presa in carico della cronicità)».

redazione

Next Post

Album da colorare, nuovo progetto per bambini degli Amici del Po

Gio Mag 28 , 2020
Un album da colorare per bambini è l’idea lanciata dagli Amici del Po di Villafranca per questo periodo di isolamento sociale dovuto al coronavirus In occasione dei festeggiamenti dei 40 anni di associazione, gli Amici del Po, soliti vivere la natura a 360 gradi organizzando escursioni sul territorio e iniziative […]
album-amici-del-po