Oltre 5 mila pec inviate alle aziende per il Bonus Piemonte

Le aziende hanno cominciato a ricevere la pec con le indicazioni per avere il contributo a fondo perduto della Regione Piemonte, il Bonus Piemonte.

Il Bonus è stato voluto dalla Regione per sostenere le imprese colpite dal lockdown per l’emergenza coronavirus. In totale sono 60 mila le impresedel territorio che possono accedere al Bouns. La cifra impiegata per questo dalla Regione è pari a 116 milioni di euro.

Negozio-scarpe

«Mentre procediamo con la prima parte del Bonus continuiamo a lavorare per ampliare il più possibile la platea dei beneficiari“. Lo ha spiegato l’assessore al Commercio Vittoria Poggio. “Queste risorse sono un contributo a fondo perduto e potranno essere usate dai nostri imprenditori per l’adeguamento dei locali, l’acquisto di materiali e attrezzature o per le spese accessorie imposte anche dalle nuove esigenze e misure igienico-sanitarie, come previsto dalla nuova legge regionale n. 12 del 15 maggio 2020, predisposta appositamente per questa emergenza». 

«Con il Bonus Piemonte – commenta l’assessore alla Semplificazione Maurizio Marrone – la nostra Regione inaugura una modalità veloce e semplificata d’avanguardia per far arrivare il contributo direttamente sul conto dei beneficiari. Siamo sicuri che farà scuola per le pubbliche amministrazioni di tutta Italia. Niente banche, niente interessi, niente garanzie e zero certificazioni. Finalmente un contributo davvero a fondo perduto, libero per la prima volta da lungaggini burocratiche e montagne di carta bollata».

Immediata e semplice la procedura per accedere al bonus. Una volta risposto alla Pec il contributo verrà accreditato nell’arco di qualche giorno.

Le istruzioni per ricevere il Bonus Piemonte

Dopo aver ricevuto la pec, per accedere al sistema e comunicare l’IBAN su cui si desidera venga accreditato il Bonus è necessario essere muniti di credenziali di autentificazione digitale.

Si puà scegliere tra Spid, Carta di Identità Elettronica (CIE), certificato digitale in formato Carta Nazionale Servizi CNS.

È necessario anche allegare copia del documento d’identità del rappresentante legale (in formato jpg, pdf o tif).

Per agevolare nella compilazione della domanda gli utenti possono seguire un video tutorial sul sito della Regione Piemonte. Allo stesso link è possibile consultare anche la lista dei codici Ateco beneficiari del Bonus.  

redazione

Next Post

Le dimore storiche non aprono, visite virtuali domenica 24 maggio

Mer Mag 20 , 2020
La giornata nazionale A.D.S.I. Associazione Dimore Storiche Italiane si svolgerà in una inedita forma digitale. Prevista per domenica 24 maggio, l’emergenza sanitaria in corso ha portato alla sospensione dell’evento. La giornata nazionale A.D.S.I. coinvolge ogni anno 4500 dimore storiche in oltre 300 paesi di Piemonte e Valle d’Aosta. Consente di […]
dimore-storiche-Castello-Marchieriù-villafranca