Al direttore dell’Asl Cn2 le opere degli studenti di Sommariva Bosco

E’ stato il dottor Massimo Veglio in persona, Direttore generale dell’Asl Cn2 Alba-Bra, a ritirare, venerdì 4 giugno, le opere realizzate su fogli di rame dai ragazzi della classe 2B della Media all’IC Arpino di Sommariva del Bosco.

Su iniziativa delle professoresse Maria Armentano e Isabella Varano e del professor Salvatore Pujia, i ragazzi hanno utilizzato la tecnica a sbalzo per ritrarre paesaggi, personaggi e altri soggetti artistici da donare all’ospedale di Verduno per testimoniare la loro vicinanza a chi soffre. Un gesto che proprio il Direttore generale Veglio ha apprezzato molto, così come il presidente della Regione Alberto Cirio, intervenuto telefonicamente.

studenti-sommariva-bosco-verduno-la-pancalera

A promuovere e sostenere il progetto “L’arte è vita: fanne un capolavoro” della scuola di Sommariva del Bosco è stata l’assessore alla’Istruzione e cultura Cinzia Spagnolo insieme al vicesindaco Marco Pedussia e a tutta l’Amministrazione, che ha voluto donare le cornici che impreziosiscono le opere. «Saranno esposte per alcuni mesi nella hall dell’ospedale Alba-Bra e saranno una testimonianza tangibile di come Sommariva del Bosco riesca ad affrontare i momenti difficili facendo comunità» ha detto Pedussia. «Un esempio di come la scuola sappia aprirsi al territorio – secondo Danilo Eandi, Dirigente dell’IC Arpino – e di come si possa fare didattica e si possa insegnare in modo innovativo, unendo conoscenze, competenze ed emozioni».

In segno di riconoscenza ai ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa, l’Amministrazione comunale ha donato un vasetto di miele, prodotto simbolo del Roero, e una pergamena di benemerenza. Alla cerimonia di consegna delle opere al Direttore generale dell’Asl Cn2 hanno partecipato anche l’assessore Giorgio Gristina e il dottor Armando Vanni, che porta avanti progetti di prevenzione e informazione sanitaria nello stesso istituto comprensivo. 

redazione

Next Post

Ritrovata una tartaruga azzannatrice a Collegno, specie pericolosa

Mar Giu 8 , 2021
E’ stata consegnata ai veterinari del CANC di Grugliasco un esemplare di tartaruga azzannatrice (Chelydra serpentina) ritrovata in via Possasso a Collegno, probabilmente abbandonata da chi la deteneva abusivamente. Si tratta infatti di una specie considerata pericolosa per l’incolumità pubblica. Non è commerciabile nè detenibile in casa da privati, a seguito […]
Tartaruga-azzannatrice-collegno-la-pancalera