VII COMPETIZIONE NAZIONALE DI JODO

Un meritato terzo posto nelle rispettive categorie per gli atleti della Shubukan di Carmagnola Luca Gataleta e Dino Campagna

 

jodo-La Pancalera
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

CARMAGNOLA

Partire il 1° maggio alle 5,00 del mattino per Castenaso, città alle porte di Bologna, per partecipare alla “VII Competizione Nazionale di Jodo”, bisogna essere fortemente motivati. Ebbene il giovane atleta carmagnolese Luca Gataleta, nella categoria cintura nera I Dan e il “diversamente giovane” Dino Campagna, nella categoria III Dan di Trofarello, ma praticante a Carmagnola, hanno entrambi conquistato il terzo posto. Se per l’atleta Luca Gataleta per una bandierina non si è classificato al secondo posto, grande è stata la soddisfazione per l’atleta Dino Campagna, che vista l’età, ha saputo competere con atleti molto più giovani di lui e con maggiore esperienza.

Il Jodo, che tradotto vuol dire la “Via del Bastone”, è un’antica e rinomata arte marziale giapponese, che si fonda sull’insegnamento della scuola Shinto Muso-ryu, fondata in Giappone nei primi anni del 1600, quando due famosi samurai si sfidarono in duello. Uno era armato di una spada, l’altro di un bastone di quercia. Da allora, la scuola si è tramandata per secoli all’interno di un clan guerriero, fino all’apertura dell’insegnamento a Tokyo nei primi anni del 1900.

Si tratta di una disciplina rigorosa che non ha alcuna relazione con gli sport da combattimento: la pratica del Jodo, una volta acquisiti gli elementi tecnici di base, consiste nell’esecuzione di forme  prestabilite (kata) in cui si simula un duello tra uno armato di una spada in legno di quercia e l’altro, armato di un bastone lungo poco più di un metro. Adatta a ragazzi ed adulti di ambo i sessi, la pratica contribuisce al mantenimento della salute attraverso un’attività dinamica ed equilibrata, in cui grande attenzione è dedicata alla correttezza della respirazione, dei movimenti e della postura, alla scioltezza e al migliore impiego dell’energia.

La disciplina promuove lo sviluppo di qualità quali la prontezza di riflessi, la capacità di concentrazione, l’eleganza nel movimento, ma anche la sensibilità, la cortesia, secondo lo spirito caratteristico delle Vie marziali tradizionali giapponesi.

Quest’arte marziale raffinata è praticata a Carmagnola nei giorni di martedì e giovedì sera (19,30 -21,00) e sabato pomeriggio (14,00 – 15,30) nella palestra della Scuola Elementare di Salsasio. I contatti sono: 335.77.22.544 – 349.64.33.717.

redazione

Next Post

DEDICATO ALLA MAMMA, UNA RIFLESSIONE DI UNA STUDENTESSA

Gio Mag 5 , 2016
In occasione della Festa della Mamma, una studentessa del Liceo Bodoni di Saluzzo dedica una propria riflessione a tutte le mamme Mamma. Una parola semplice, immediata, naturale. Pilastro basilare e fondante del vocabolario dell’infanzia, uno dei primi traguardi conseguiti da ogni bambino agli albori della propria esistenza. Un termine dal […]
mamma-La Pancalera