Un calendario racconta la disabilità

Realizzato dal CISA31 con i disegni dei bambini

Calendario-Cisa31-PancaleraCARMAGNOLA – Il Coordinamento Diversabilità del C.I.S.A.31 ha vinto l’ultima sfida lanciata: la realizzazione di un calendario con i disegni dei bambini delle scuole primarie del territorio di Carmagnola per raccontare il mondo della diversità. Dopo la mostra fotografica sul tema “Tutti uguali tutti diversi” realizzata tempo addietro, anche questo calendario testimonia il ruolo attivo delle persone con disabilità, fuori dallo schema più scontato della necessità di dare loro un aiuto.
Partendo dalla considerazione che tutte o quasi le classi degli Istituti Compresivi contano persone disabili, un gruppo di persone legate al mondo della scuola ha lanciato l’idea del calendario: i bambini si sono così messi al lavoro e, guidati dalle insegnanti, hanno creato a più mani e con le tecniche più varie una trentina di piccole opere, una per classe. La selezione dei disegni è stata quindi affidata ad un gruppo di esperti del disegno, pittori ed artisti, che hanno ribadito la validità dei lavori grafici e il pieno rispetto del tema affidato: “Un posto per tutti”. I dodici elaborati prescelti, corredati da altrettanti pensieri e commenti, sono serviti ad illustrare, mese per mese, il calendario che è diventato in questo modo un importante strumento di informazione sul tema della disabilità. Le 300 copie stampate verranno distribuite a varie realtà del territorio, dagli studi medici agli uffici pubblici, alle associazioni.
L’iniziativa è stata possibile grazie all’apporto finanziario di istituzioni ed enti privati, dalla Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant’Albano Stura, ai Lions di Carmagnola, a tanti altri sponsor cittadini.

 

redazione

Next Post

Carmagnola. Musica lirica alla Bussone

Ven Gen 10 , 2014
CARMAGNOLA – “La tampa lirica” festeggia il suo primo anno con una nuova serata alla Bussone, in via Valobra 143. Venerdì 24 gennaio la musica è quindi nuovamente protagonista, anzi in questo caso è il pubblico a diventare protagonista: arie d’opera e operette verranno infatti cantate in coro o da […]