Le meraviglie del Castello di Racconigi e della Palazzina di caccia di Stupinigi a tariffa agevolata

Castello-racconigi-la-pancalera
RACCONIGI
Dallo scorso venerdì 14 aprile, i visitatori del Castello di Racconigi e della Palazzina di caccia di Stupinigi potranno usufruire di tariffe agevolate presentando il biglietto d’ingresso ad una delle due residenze entro tre mesi dal suo acquisto: presentando il biglietto di ingresso al castello di Racconigi, la tariffa per la Palazzina di Stupinigi diventa di € 8 anziché € 12, quella per il parco € 2 anziché € 3. Allo stesso modo, presentando il biglietto di ingresso a Stupinigi entro tre mesi dalla sua emissione, la tariffa per il castello di Racconigi è di € 2,50 anziché € 5, quella per il parco € 1 anziché € 2.
Questa convenzione, siglata tra la Fondazione Ordine Mauriziano ed il Polo Museale del Piemonte, trae motivo e spunto nei lavori del tavolo di coordinamento delle residenze sabaude e rappresenta un nuovo e ulteriore collegamento tra queste due residenze, da sempre legate da particolari affinità. Parti integranti della cosiddetta “corona di delizie” destinata al loisirs di corte, il castello di Racconigi e la Palazzina di Caccia di Stupinigi furono luoghi prediletti per le villeggiature, le cacce, le feste e i matrimoni ed ora sono collegate dal progetto “2ruote-2regge” per la messa a rete e l’integrazione dei percorsi ciclabili, alla scoperta del patrimonio naturale, storico architettonico, dei borghi rurali e dei paesaggi agricoli di questo territorio abbracciato dalla cornice alpina.
La convenzione offre un’occasione perfetta per scoprire due aspetti della corte sabauda: l’atmosfera, al tempo raffinata e familiare, della villeggiatura di corte proseguita a Racconigi fino agli anni Trenta; i piaceri domestici degli ultimi re d’Italia, le architetture auliche degli appartamenti ufficiali, quelle intime delle stanze private e poi le operose cucine e le tenere stanze delle balie, ma anche il “percorso di delizie” del magnifico parco all’inglese e la maestose cicogne che nidificano sui tetti del castello. Stupinigi regala lo stupore architettonico delle superbe architetture juvarriane: recentemente riaperta al pubblico dopo importanti lavori di restauro, la Palazzina di Caccia -fra i complessi settecenteschi più straordinari in Europa- ha piena dignità museale con i suoi arredi originali, i dipinti, i capolavori di ebanisteria e il disegno del territorio. Stupinigi non è peraltro nuova a queste iniziative: analoghe agevolazioni sono già attive con il Castello di Rivoli, che accoglie un grande Museo di Arte Contemporanea nella spazialità regale dell’architettura barocca.