Il ministro Enrico Costa alla Sagra dell’Agnolotto

Prestigio per la manifestazione polongherese di inizio maggio

Enrico-Costa-la-pancalera

POLONGHERA
L’11esima edizione della Sagra dell’agnolotto e del canestrello, inaugurata venerdì 6 maggio, si è aperta con l’inattesa, quanto gradita, partecipazione del ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Enrico Costa: una presenza di assoluto rilievo che ha premiato l’abnegazione dei tanti volontari polongheresi e aumentato il prestigio di questa manifestazione.
Venendo al dettaglio della kermesse polongherese, da rilevare il clima tutto sommato favorevole che ha accompagnato la tre giorni gastronomica, favorendo le visite e la partecipazione agli appuntamenti gastronomici, musicali e fieristici.
Dopo serata inaugurale, dove Andrea Caponnetto ha saputo coniugare nel migliore dei modi il ruolo di cerimoniere a quello di presentatore del riuscitissimo spettacolo musicale “Polonghera’s Got Talent”, la manifestazione è proseguita in un crescendo di eventi, chiusa dalla serata danzante di domenica dove Sonia de Castelli ha calato definitivamente il sipario su questa 11esima edizione. Molta adesione anche quest’anno al Museo del Soldatino e del Figurino Storico, collezione privata curata magistralmente dal suo creatore Domenico Colombatto: unico neo della manifestazione polongherese la scarsa presenza fieristica e commerciale della domenica.
In chiusura registriamo il commento del presidente della Pro Loco, Michele Vera: «La manifestazione in questi undici anni è diventata un appuntamento di riferimento del panorama gastronomico. Ringrazio quanti hanno scelto Polonghera alla ricerca di un evento piacevole e spero che tutti siano rimasti soddisfatti: chiudo con un elogio a tutti i volontari e all’Amministrazione Comunale, che in ogni modo hanno reso possibile il successo della manifestazione».
m.v.