Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura: oltre 270mila euro a enti ed associazioni

BCC-Associazioni-la-pancalera

 

Nel 2014, i contributi per il sostegno del territorio sono andati a attività sociali, cultura, educazione e sport. Alle associazioni e agli enti che si occupano di assistenza è andato 57% dei contributi. 

Il Presidente Osenda: «Continua il nostro impegno sancito dallo statuto: sostenere e promuovere il miglioramento delle condizioni dei Soci e del Territorio.»

CARMAGNOLA – Anche il 2014 è stato un anno difficile per le famiglie e per le imprese piemontesi. La situazione economica continua a pesare sui bilanci familiari, ma fortunatamente si moltiplicano gli esempi di iniziative spontanee di persone, associazioni ed enti che, senza scopo di lucro, organizzano nuovi servizi, per alleviare situazioni di disagio o per creare momenti ricreativi.

Così sono nati gruppi di genitori che hanno organizzato un doposcuola autogestito, mettendo a disposizione il tempo libero, per seguire i propri figli e quelli degli altri. Si sono realizzate nuove strutture per gli anziani, sono nate associazioni di appassionati che consentono a tanti bambini di praticare sport, altre che organizzano manifestazioni innovative ed eventi culturali. Gli esempi sono davvero tanti perché, per fortuna, le comunità piemontesi contano tante persone che si mettono in gioco e che, con impegno ed entusiasmo, si dedicano agli altri.

Energia, intraprendenza e forza di volontà sono fondamentali, ma servono anche risorse. Per questo motivo, anche nel 2014, la Banca di Credito Cooperativo di Casalgrasso e Sant’Albano Stura ha continuato ad essere parte attiva, nel sostegno delle iniziative per il territorio.

«La mutualità è parte della nostra missione statutaria – afferma il presidente Osenda – Per questo motivo, nel 2014, abbiamo ulteriormente rafforzato il nostro sostegno ad associazioni, enti, scuole, parrocchie e società sportive. In totale, i contributi a fondo perduto erogati ammontano a oltre 270 mila Euro. È una cifra importante, in costante aumento negli ultimi anni, perché il nostro obiettivo non è quello di fare beneficenza di facciata, ma creare una solida mutualità».

Il 46% dei contributi della banca è stato destinato ad associazioni di varia natura, il 22% alle società sportive, l’11% a chi si occupa di assistenza, il 10% a iniziative artistiche e culturali, il 6% alle scuole e il 5% alle parrocchie.

Si tratta di un segnale importante che deve dare stimolo a chi ha deciso di smettere di lamentarsi della crisi e di darsi da fare in prima persona. Nella banca si può trovare un solido sostegno alla nascita di nuove idee, di nuove realtà e, perché no, di nuovi sogni. Intanto, il presidente Osenda annuncia che, anche nel 2015, l’impegno della BCC Casalgrasso e Sant’Albano Stura continuerà sempre più inteso, guardando anche oltre i confini territoriali, per partecipare a programmi di cooperazione internazionale.

Informazione redazionale