BCC di Casalgrasso e Sant’Albano Stura, cresce il bilancio semestrale

Bilancio semestrale, con l’utile ante imposte pari a 3,9 milioni di euro, in aumento rispetto all’analogo periodo del 2018

È stato approvato il bilancio semestrale della BCC di Casalgrasso e Sant’Albano Stura che continua a crescere e ad aumentare i propri volumi. Segno questo di fiducia da parte di clienti e investitori. L’utile ante imposte risulta pari a 3,9 milioni di Euro, in aumento rispetto all’analogo periodo del 2018.

«È un bilancio lusinghiero quello raggiunto nei primi sei mesi del 2019». E’ il commento di Mauro Giraudi, direttore generale BCC. «Crescono patrimonio, soci e clienti, ma anche il comparto assicurativo ha incrementato i volumi».

Questo perché la BCC di Casalgrasso e Sant’Albano Stura è sempre più un interlocutore unico. Offre servizi a 360° nella tutela della persona e del patrimonio, ampliando i propri servizi assicurativi, di brokeraggio e di consulenza.

Anche la solidità patrimoniale si rafforza ulteriormente. I fondi propri raggiungono i 70 milioni. Il CET1 si attesta a 20,98%, tra i più alti del sistema bancario.

La capacità e la capillarità della rete commerciale hanno permesso il raggiungimento degli obiettivi definiti; la Banca ha intensificato l’attenzione sul comparto del wealth management e nel semestre la raccolta gestita è ulteriormente cresciuta. E per il territorio continua l’impegno della BCC in tutte e tre le aree di competenza: nel Cuneese, nel Carmagnolese e nel Torinese, la banca è impegnata in numerose iniziative a scopo benefico a sostegno di enti, Comuni e associazioni.