ASSEGNO DI INVALIDITÀ, SE SI LAVORA C’È UN DOPPIO TAGLIO

Informahandicap-la-pancalera
CARMAGNOLA
Avere un assegno di invalidità e continuare a lavorare producendo reddito comporta forti tagli alla prestazione Inps: l’assegno è letteralmente massacrato dai tagli. Non ne basta uno solo: in alcuni casi ce ne sono due: 1) il primo legato alla misura della pensione; 2) il secondo alla misura del reddito. A seconda del reddito il secondo taglio diventa il primo e il primo passa al secondo posto, in un groviglio di norme difficili da tenere a mente. Con un risultato finale che comunque la metti è pesante: si perde oltre la metà dell’assegno. Per seguire l’arzigogolata trama dei tagli partiamo dalla trattenuta che in ogni caso è sempre applicata e che è legata alla misura dell’assegno Inps.
A – Se l’assegno non supera il trattamento minimo, che quest’anno è 501,89 euro, la prestazione è salva, a meno che il reddito faccia perdere o riduca l’eventuale integrazione al minimo.
B – Se ha una rata più alta scatta il taglio, diverso a seconda della natura del lavoro.1) Lavoro subordinato = si perde il 50% della parte che eccede il trattamento minimo. 2) Lavoro autonomo = si perde il 30% della quota di assegno superiore al minimo, rispettando però una clausola di salvaguardia: il taglio non può superare il 30% del reddito.
Perciò chi ha una prestazione di 1000 euro lordi mensili perde 250 euro se lavora come dipendente e 150 euro se lavora come autonomo.
B – Il secondo taglio si presenta quando il reddito di lavoro dipendente o autonomo supera grosso modo i 26 mila euro annui. In questa ipotesi scatta una nuova serie di tagli. Da 26.098,28 euro/anno fino a 32.622,85/anno la riduzione è del 25%, e schizza al 50% se dal lavoro si ricavano più di 32.622,85 euro.
Per capire meglio ricorriamo a due ipotesi riferite a chi lavora come dipendente. A – Primo caso: reddito da lavoro dipendente non superiore a 26.098,28 euro/anno. Si applica solo la prima trattenuta, vale a dire il 50% della quota di pensione superiore al minimo. B – Secondo caso: reddito da lavoro superiore a 26.098,28 euro/anno. In questo caso la trattenuta del 25% o del 50% da seconda diventa prima e, se dopo questa prima tosatura, resta un importo di assegno superiore alla pensione minima di 501,89 euro, su questa eccedenza si abbatte l’ulteriore taglio del 50%.
Traduciamo in pratica, parlando di un assegno di 1500 euro/mese e un reddito di lavoro dipendente di 33.000 euro/anno. Si inizia con il taglio 50% su tutto l’assegno, pari a 750 euro. Sulla somma di 248,11 euro (è l’eccedenza rimasta rispetto alla pensione minima) opera l’altro 50% di taglio, pari a 125 euro. Conclusione: taglio completo di 875 euro, pari al 58% dell’assegno. Se vi pare poco!
Fonte: La Stampa del 02/10/2017 – PREVIDENZA – di Bruno Benelli.

Sportello Informahandicap
Via. Bobba, 8 – 1002 Carmagnola TO
Orario: Martedì e Giovedì 16:00 – 18:00
Tel. 011 9710196
E-mail: info@handicarmagnola.it
Sito: www.handicarmagnola.it